Piazza Zanella. Filipović: «Decisione tecnica e non politica»

0
Piazza Zanella. Filipović: «Decisione tecnica e non politica»
Oggi si deciderà se Piazza Zanella verrà ridimensionata

All’odierna riunione del Consiglio cittadino verrà posta all’attenzione dei consiglieri la proposta avviata dal Museo di Marineria e Storia del Litorale croato (Palazzo del governo) di ridurre l’estensione di piazza Riccardo Zanella. La richiesta è stata motivata dal fatto che lo spazio dinanzi al Museo non è superficie pubblica, come veniva classificato finora, bensì parco appartenente all’ente museale, al quale non possono pertanto venire applicate le delibere cittadine relative alle vie e alle piazze. Di conseguenza, la superficie di piazza Zanella verrebbe limitata alla strada pubblica con il parcheggio antestante e alla curva laterale che da via Laginja conduce verso Palazzo del governo.

 

Dopo la direttrice del Museo, Nikolina Radić Štivić e la presidente della Comunità degli Italiani di Fiume, Melita Sciucca – da noi interpellate per una dichiarazione al riguardo – sulla questione si è pronunciato ieri, sempre su nostra richiesta, anche il sindaco, Marko Filipović. “Piazza Zanella rimane comunque su quella parte della strada, incluso il parcheggio, che è superficie pubblica. Nelle procedure espletate finora, che hanno riguardato le modifiche dei nomi e della superficie delle piazze, non si era tenuto conto delle parcelle. Ora è risultato che l’attuale piazza Zanella si estende parzialmente su un’area che in effetti non è superficie pubblica. Ovvero, pur venendo usata come tale, tecnicamente è giardino del Museo di Marineria e Storia del Litorale croato. Le modalità con cui finora venivano deliberati i cambiamenti dei nomi delle vie e delle piazze, hanno generato una serie di equivoci e situazioni interpretabili in vari modi. In base alla mia esperienza personale, invece, posso assicurare che la cosa migliore da fare è chiarire la situazione al più presto. In questo caso, si tratta di una decisione tecnica e non politica, come alcuni tentano di ipotizzare. Voglio ricordare loro che questa è Fiume, una città che non rinuncia a quello che le appartiene e men che meno alla sua storia”, ha puntualizzato il sindaco.

Un caso simile si era verificato nel 2005 con la suddivisione di piazza della Repubblica in tre parti

Il precedente, una piazza diventata tre

A onor di cronaca, ricorderemo che una situazione simile era accaduta nell’aprile del 2005, quando il Consiglio cittadino aveva accolto la proposta di suddividere piazza della Repubblica in tre parti, dunque di ridurne la superficie. Fino a quel momento la piazza si estendeva dall’albergo Bonavia fino alla Riva. Con la sua suddivisione, la piazza ha mantenuto il nome nella sua parte centrale, mentre quella a nord (davanti all’albergo Bonavia) è diventata piazza della 128ª Brigata dell’Esercito croato e quella a sud, piazza della 111ª Brigata dell’Esercito croato.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display