Evitare incidenti con i petardi

Presentata la tradizionale azione della Questura, «Pace e bene»

0
Evitare incidenti con i petardi

Dal 1993, la Questura litoraneo-montana promuove l’azione “Pace e bene” allo scopo di preservare la quiete pubblica nel periodo delle festività, ma anche per evitare il contrabbando di sostanze esplosive, botti fatti in casa o venduti sul mercato nero e per garantire la sicurezza e l’incolumità di tutte le persone, compresi coloro che ne fanno uso. Infatti, il periodo delle festività natalizie e di fine anno, purtroppo è spesso caratterizzato, oltre che da decorazioni e addobbi luccicanti, anche dalla fastidiosa e sgradita “tradizione” dei botti. L’azione ha preso il via il 15 dicembre e si protrarrà fino al 9 gennaio. Dal 1º dicembre, invece, il reparto antiesplosivo ha tenuto vari laboratori nelle scuole con lo scopo di educare i bambini, ma anche i loro genitori, sulla potenziale pericolosità dei petardi e dei fuochi d’artificio, nonché di altro materiale pirotecnico, specialmente se usato da persone inesperte. Della campagna hanno parlato Zlatko Bukša, della Protezione civile e Kruno Kaurić, capo del Reparto antiesplosivo della Questura litoraneo-montana.

 

Zlatko Bukša ha voluto ricordare che il 2 gennaio di quest’anno, è cambiata la legge sull’uso del materiale pirotecnico ed esplosivo.

Due categorie

“Il materiale pirotecnico viene suddiviso in due categorie: la F1, che riguarda una minore quantità di sostanze esplosive, che può essere acquistata regolarmente in negozi ed edicole, e il suo utilizzo è consentito durante tutto l’anno a persone di età superiore ai 14 anni, nonché la F2-F3, che può essere venduta soltanto agli adulti dal 15 dicembre al 1º gennaio e utilizzata nel periodo tra il 27 dicembre e il 1º gennaio. L’uso è vietato nelle aree interne ed esterne dove si riuniscono più persone. Dall’inizio di quest’anno sono stati vietati la vendita e l’uso dei petardi appartenenti alla categoria F2 e F3. Le multe previste vanno da 1.000 a 3.000 kune per i genitori o tutori di bambini più giovani di 14 anni che fanno uso di materiale pirotecnico. Per le persone fisiche le multe salgono fino alle 15mila kune, mentre per quelle giuridiche, che dovessero vendere il materiale a persone minorenni, le pene pecuniarie vanno da 50 a 80mila kune.

Kruno Kaurić ha voluto sottolineare che tutto il materiale pirotecnico proibito, rimasto eventualmente non usato dallo scorso anno, può venire restituito alla Polizia, telefonando prima per annunciare il proprio arrivo.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display