CIACOLADE Afluenza al voto e «devianze» de casa nostra

0
CIACOLADE Afluenza al voto e «devianze» de casa nostra
Foto: Goran Žiković

El mio papaci, che Dio ghe basi l’anima, el gaveva smesso de frequentar el Circolo nei anni novanta, dopo che se gavevimo trasferido in un posto che quela volta era considerado periferia. Oramai malado, nol podeva rivar fino in Circolo e pasar le sere coi muli per qualche atività o per qualche man de briscola e tresete. Me ricordo che de principio l’era asai triste. Dopo el ga tacà frequentar Zamarich e con sorpresa el ga trovado altri fiumani lontan del centro come lui. Un spritzer e un do ciacole prima de zena era diventà el suo novo ritual.
El zircolo, pian pianin el se gaveva comicià svodar per via del ricambio generazional, ma me ricordo che noi mularia andavimo guardar i film del Branco de martedi, erimo minicantanti de Criso, andavimo far gheto per carneval e per el novo del ano. De adulti, sempre là, gavemo continuado a visitar mostre, scoltar concerti e conferenze, partecipar ai festival, balar, far el tifo per la nostra squadra de fudbal, preparar magnatica con coghi esperti, aplaudir i nipotini che rezita in dialeto… perché in Circolo sucede de tuto e per tuti i gusti.
E rivemo al dunque, ale elezioni de giugno 2022. Afluenza: 5,36 per cento, che corisponde al numero de centonovantanove votanti. Ma come? Ma perché? Ja ja ja, xe colpa de quel e de quel altro, non se ga fato questo, non se ga fato quel altro. Ecoli, i Soliti Ignoti, rampigadi sul scagneto a far i giudici, pronti a sputanar chi che se ga fato in quatro per acontentar tutiquanti.
Mi son una de quei che non xe andà votar. E senza ironia, ameto che me vergogno. Perché non son andada? Perché vivo in “periferia”, perché la dotoresa me ga imposto de evitar el caldo, perché non me la sentivo de vogar l’auto senza climatizator, de parchegiar in delta o in riva sul sol, o in alternativa, de romperghe le togne a quei che non vede l’ora che arivi la domenica per scampar a Platak o sul Monte Magior. I autobus, de domenica, xe una (triste) storia a parte.
Fiume non ga la Comunità soto el naso de tuti, e se volemo confrontarla con le altre, vedemo ben che molte le ga i seggi a cinque minuti de casa, e volendo, le pol invitar la gente al voto dala finestra, squasi come i mujaheddin ala preghiera.
Noi de Fiume, gente mia, se meritemo de poder votar tramite internet (par che così i ga fato a Pola), ma anche de gaver un seggio a Zamet, a Cosala, a Valscurigne, a Cantrida, oltre el ponte…
Se meritemo de gaver gente che propone in bona fede (non per la caregheta), e ghe ne xe, oltre a quei tre-quatro Soliti – Ignoti (o squasi) sempre pronti a disfar ogni roba con un per de click. E me vergogno de novo.
Stavolta per lori.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display