Cherso e Lussinpiccolo, insieme si può

Il ponte che collega Lussino e Cherso si apre per far passare le imbarcazioni. Foto Borna Filic/PIXSELL

Spesso gli ospiti stranieri dell’isola interpretano Cherso (Cres) e Lussinpiccolo (Mali Lošinj) come un unicum in quanto a offerta turistica. Lo hanno compreso le due città, i cui enti turistici hanno firmato un accordo di collaborazione al quale, oltre ai sindaci Ana Kučić e Kristijan Jurjako, hanno preso parte i rappresentanti dei due enti a cui il turismo fa riferimento Dalibor Cvitković e Sanja Živanović.
Con la firma di questo documento si stabilisce la continuazione delle attività comuni volte allo sviluppo del turismo in quest’area. “Sono convinta che lavorando insieme avremo l’opportunità di posizionarci meglio sul mercato nazionale e internazionale e sviluppare progetti che stimoleranno lo sviluppo economico complessivo del nostro arcipelago in questi tempi difficili di estrema importanza. Lavoriamo a stretto contatto con Cherso città e speriamo che questo accordo porti a termine una moltitudine di buoni progetti per lo sviluppo delle nostre isole, ma, cosa più importante, migliori la qualità della vita dei suoi abitanti”, ha detto Ana Kučić, sindaco di Lussinpiccolo e presidente anche dell’Ente turismo.
L’Ente turismo di Cherso e quello della Città di Lussinpiccolo stanno attuando un Master Plan di sviluppo in ambito turistico, che definisce visioni a lungo termine, obiettivi di crescita e un quadro per lo sviluppo di una strategia turistica competitiva che contribuirà a migliorare la qualità della vita e creare nuovi processi di sviluppo.
Il Master plan prevede che Lussinpiccolo e Cherso si avvicinino alla valorizzazione di quelle risorse ancora non sfruttate e le interpretino in modo innovativo e moderno. Il principio di sostenibilità sarà applicato attraverso tutte le attività di sviluppo con l’obiettivo di preservare l’ambiente naturale e la qualità di vita.

Facebook Commenti