Bilancio regionale 2023. L’opposizione non obietta

Il documento verrà messo ai voti alla sessione dell'Assemblea convocata per giovedì, 24 novembre

0
Bilancio regionale 2023. L’opposizione non obietta
La sede del Centro d’addestramento delle squadre d’intervento a Sappiane. Foto: Goran Kovacic/pixsell

La proposta di Bilancio 2023 della Regione litoraneo-montana sarà al vaglio dell’Assemblea regionale giovedì, 24 novembre assieme a quella del Bilancio di assestamento di quest’anno, quest’ultima bocciata alla scorsa sessione. Il Bilancio per l’anno prossimo ammonta a 224 milioni di euro, ed è allo stesso livello di quello dell’anno scorso, mentre l’assestamento equivale a 39,2 milioni di kune. La vicepresidente della Regione, Marina Medarić, ha reso noto che nel corso delle trattative con i club dei vari partiti, che si sono svolte in questi giorni, l’opposizione non ha presentato particolari richieste ed emendamenti da integrare nel documento e lo stesso vale per quanto riguarda il Bilancio d’assestamento.

Il presidente dell’Assemblea regionale, Marko Boras Mandić, ha aggiunto che la proposta è stata inviata ai consiglieri con largo anticipo per permettere loro e ai club di prepararsi. Gli altri punti all’odg sono tutti collegati al Bilancio: i finanziamenti pubblici per lo sport, il programma della Direzione regionale per le strade, nonché l’assegnazione delle concessioni per il 2023, approvate dalla nuova Commissione.

Concessioni
Alla consueta conferenza stampa del lunedì, Marina Medarić ha illustrato i finanziamenti della Regione. Per la Comunità regionale dei Vigili del fuoco sono state assicurate 345.875 kune per la realizzazione del progetto per il magazzino nell’ambito del Centro per l’addestramento dei servizi d’intervento a Sappiane. Il Centro, che si estende su 15.700 metri quadrati, è costato finora 8,5 milioni di kune, di cui 4,8 dal Bilancio regionale. Altre 80mila kune andranno al Comune di Čavle e alle Città di Kraljevica e Buccari per le manifestazioni che vengono organizzate in collaborazione con gli enti turistici locali e che riguardano il progetto “Sulle rotte dei Frankopan”.
Le entrate derivanti dal demanio marittimo, ovvero dal pagamento delle concessioni e dagli indennizzi, nell’importo di 16,5 milioni verranno ridistribuite a favore del demanio marittimo, come previsto dalla Legge. Inoltre, è prevista l’assegnazione di 18 nuove concessioni, nonché stabilire i confini di ulteriori 14 chilometri di costa. Attualmente sono attive 119 concessioni, di cui 7 scadono nel 2023. La lunghezza complessiva della costa è di 1.235 chilometri, di cui per la metà sono stati definiti i confini. Ciò è importante per potere avviare attività commerciali ed economiche.
All’aeroporto di Lussinpiccolo sono destinata 100mila kune per il rinnovo del terminal passeggeri. Marina Medarić ha spiegato che nonostante in questo scalo non ci siano linee regolari, sono in aumento gli atterraggi di piccoli aerei, pertanto in un futuro la struttura potrebbe diventare importante per l’economia e lo sviluppo turistico di Lussinpiccolo.
Per quanto concerne le alluvioni dello scorso fine settimana a Novi Vinodolski e sull’isola di Veglia, Marina Medarić ha reso noto che è in corso la stima dei danni da parte delle Città e dei Comuni coinvolti. A seconda dei risultati il presidente della Regione, Zlatko Komadina, stabilirà se sia possibile proclamare il disastro naturale. La Regione, comunque, è pronta a venire incontro per risanare i danni.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display