Alla scoperta delle grotte di Cherso e Lussino

Interessante conferenza di Vedran Vukotić negli spazi della Comunità degli Italiani lussignana

0
Alla scoperta delle grotte di Cherso e Lussino
Vedran Vukotić. Foto: ARLEN ABRAMIC

Interessantissima conferenza in formato bilingue (italiano e croato) presso la sede della CI di Lussinpiccolo. Il giovane lussignano Vedran Vukotić, ha presentato “Le grotte dell’arcipelago di Cherso e Lussino” esprimendosi in italiano e croato e proiettando foto suggestive principalmente scattate da lui stesso. Essendo di formazione carsica, il sottosuolo delle isole quarnerine presenta una miriade di grotte orizzontali, verticali, inclinate, semplici o con cunicoli ramificati in varie direzioni. Per ora si conoscono 112 grotte delle quali una settantina ancora da valutare e trovare, ma l’ampliamento della strada che porta allo scalo di Faresina (Porozina) ha portato alla luce la presenza di una grotta senza accesso in superficie e di questo tipo ce ne saranno ancora tantissime nel sottosuolo delle due isole. Oltre alle spiegazioni dei termini che si usano in speleologia, proiettando le foto sul grande schermo, il relatore si è soffermato anche sulla storia delle ricerche fatte su queste isole mostrando libri, foto, inserti filmati, menzionando anche i nomi delle persone che vi hanno partecipato. Il primo è l’abate Alberto Fortis che nel XVIII visitò Cherso e Lussino pubblicando poi un suo saggio molto dettagliato. Naturalmente sono stati menzionati Ambrogio Haracich, Mario Martinolich nel XIX secolo per poi passare agli inizi del XX secolo con i nomi dei vari gruppi di entusiasti isolani e per finire con i ricercatori di oggi. Vedran Vukotić ha menzionato anche i film e i documentari che sono stati girati in questi ambienti, mentre su due manichini ha mostrato l’equipaggiamento necessario alle ricerche speleologiche sotterranee e subacquee. Sul tavolo sono stati esibiti i libri e le pubblicazioni finora uscite in varie lingue (principalmente in italiano e croato) concernenti la speleologia dell’arcipelago lussignano. La conferenza ha avuto molto successo e si spera possa venire ripetuta.

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

L’utente, previa registrazione, avrà la possibilità di commentare i contenuti proposti sul sito dell’Editore, ma dovrà farlo usando un linguaggio rispettoso della persona e del diritto alla diversa opinione, evitando espressioni offensive e ingiuriose, affinché la comunicazione sia, in quanto a contenuto e forma, civile.

No posts to display