Aiuto psicologico in pandemia e crisi

Ricevuti in Regione i volontari che hanno prestato supporto a chi ne aveva bisogno

0
Aiuto psicologico in pandemia e crisi
Il gruppo di psicologi-volontari in Regione. Foto: GORAN ŽIKOVIĆ

Dal 20 marzo 2020 al 31 dicembre 2022 è rimasta aperta la linea telefonica che forniva aiuto psicologico ai cittadini durante la pandemia di Covid-19 e la serie di terremoti a Zagabria e Petrinja. La linea è stata gestita dagli psicologi-volontari della Regione litoraneo-montana ed era aperta 24 ore su 24. In questo periodo sono pervenute 650 chiamate per una durata complessiva di 330 ore.
Il gruppo di psicologi-volontari è stato accolto in Regione dalla vicepresidente Marina Medarić, da Goran Petrc, a capo dell’Ufficio della Regione, da Mladen Šćulac, a capo della Protezione civile e da Hrvoje Gligora, presidente della Società degli psicologi. Ai membri del gruppo denominato Psihokorona sono stati consegnati gli attestati di ringraziamento per avere fornito un sostegno psicologico alle persone che ne hanno avuto bisogno.
“Durante la prima ondata della pandemia ci siamo trovati in una situazione mai vissuta prima. Quotidianamente, tramite i media, venivamo informati sul numero dei contagiati e dei decessi, notizie che creavano un senso di timore e insicurezza. Sono stati momenti in cui si è reso necessario il sostegno psicologico e il vostro ruolo è stato fondamentale perché avete aiutato le persone che ne avevano bisogno, ma anche la rete sanitaria e la Protezione civile. Grazie di cuore per tutto quello che avete fatto”, ha detto Marina Medarić.
Mladen Šćulac ha ringraziato gli psicologi-volontari anche per l’aiuto fornito in occasione del sisma avvenuto a Petrinja, quando la circolazione era limitata ed era molto importante rassicurare le persone e indirizzarle nei posti giusti senza creare situazioni di panico.
“Quando la società ha bisogno del nostro aiuto, noi ci siamo”, ha detto Hrvoje Gligora, sottolineando che ieri, per la prima volta, i membri del gruppo si sono incontrati dal vivo.
La psicologa Nada Kegalj, che ha coordinato l’attività della linea telefonica, ha rilevato che le chiamate ricevuto hanno riguardato persone dai 17 ai 90 anni d’età e che per la maggior parte sono stati uomini. L’età media è stata di 45 anni. “Quando abbiamo avviato la linea telefonica eravamo alle prime armi e senza alcuna esperienza, ma abbiamo seguito dei corsi di formazione che ci hanno aiutato molto. La linea è stata chiusa perché le emergenze sono rientrate. Comunque, il consiglio è di recarsi dallo psicologo in caso di necessità. Il sostegno telefonico non va bene a lungo andare”, ha spiegato Kegalj.
Gli attestati di ringraziamento sono andati a Deniza Dinić, Adriana Klarić, Bernard Šeši, Borka Ogrizović, Daina Udovicich Corelli, Gracija Dekanić, Inga Vlašić-Cicvarić, Iva Kirša, Morena Damijanjević, Nada Kegalj, Renata Lisac, Sara Jurdana, Sonja Pribeli-Hodap, Tamara Sremec, Sanja Kaštelan, Ana Goleš e Orjana Marušić Štimac.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display