Agenzie turistiche l’attività stenta a ripartire

Niente gite e viaggi per tre mesi. Ora si spera in una rapida ripresa dell’attività in vista della stagione estiva e autunnale. Gli esercizi del Quarnero offrono prezzi scontati

Quella ai Laghi di Plitvice è stata sempre una gita molto richiesta. Foto: Kristina Stedul Fabac/PIXSELL

Con l’allentamento a fasi delle misure di sicurezza introdotte circa tre mesi fa, volte a contenere il diffondersi del Covid-19, anche le agenzie turistiche, come altri esercizi commerciali, stanno tentando di rimettersi in… careggiata. Ebbene sì, tentando, perché la situazione in questo momento non si presenta per niente rosea e il futuro rimane incerto per tantissime imprese che del turismo di viaggio hanno fatto il proprio brend.
Per gli abitanti della nostra Regione, la stagione preferita per mettersi in viaggio, per brevi o lunghi che siano, è stata sempre la primavera e, in parte, l’inizio dell’estate, quando in una manciata di giorni è possibile ora visitare Paesi e luoghi davvero interessanti. Per di più, a prezzi accessibilissimi.
Con il parziale lockdown, tutte le agenzie turistiche che operano sul territorio quarnerino hanno dovuto chiudere i battenti e annullare o posticipare tutti i viaggi e le gite già organizzati. Uno scenario drastico, che ha portato al rimborso, al 90 per cento, degli importi già pagati. Soltanto il 10 p.c. degli interessati ha preferito mantenere l’ottimismo e “attendere tempi migliori” senza rinunciare al proprio viaggio già prenotato e pagato. Sono pochi gli operatori turistici che hanno voluto raccontare l’esperienza negativa vissuta negli ultimi mesi, preferendo rimanere sul vago per quanto riguarda le previsioni per il futuro, che si preannuncia oltremodo difficile e incerto in vista della stagione dei viaggi, che doveva iniziare da tempo e che, ora come ora, stenta a decollare.
“Siamo partiti con poco, dopo che abbiamo dovuto annullare tutte le gite e i viaggi per i mesi di marzo, aprile e maggio. Le nostre prime offerte riguardano la seconda metà di giugno. Si tratta di viaggi consueti per questo periodo dell’anno e che hanno come mete le città di Praga, Budapest e Sarajevo. Offriamo pure vacanze estive sul territorio nazionale con sconti fino al 40 p.c., ma l’interesse è quasi nullo. Il resto è ancora tutto in sospeso”, ci ha fatto sapere un’operatrice turistica, che ha voluto mantenere l’anonimato.
Il quadro non è dei più rosei. Si tenta di salvare il salvabile con un impegno più attivo per la tarda estate e l’autunno, ma le richieste sono poche o quasi inesistenti. Sono state annullate, per il momento, pure le gite di un giorno, che registravano sempre il tutto esaurito e che riguardano i Laghi di Plitvice, il Parco equestre di Lipizza, Gardaland e Venezia. Gite che erano interessanti pure ai turisti che soggiornavano nel capoluogo quarnerino e che adesso si possono contare sulle dita di una mano. Nel cartellone delle offerte rimangono i viaggi e le gite organizzate per l’autunno ma pure questi sono a rischio.
Per quanto riguarda i viaggi del fine settimana sul territorio nazionale, le trattative sono a buon punto per cui tra poco potremo offrire una serie di uscite fuori porta di due o tre giorni con destinazione i castelli e le terme del Međimurje, le strade del vino e i musei dello Zagorje e i tour per la Slavonia. Il tutto a prezzi scontati, in quanto tutti desiderano avviare quanto prima le attività per troppo tempo sospese e di cui dipendono tanti posti di lavoro.
Identica la situazione nelle agenzie turistiche dell’Abbaziano, che finora offrivano ai numerosi turisti stranieri tantissime gite giornaliere nelle zone circostanti, a bordo di pullman o vaporetti. Al momento si stanno riorganizzando i cartelloni dei viaggi e si spera in una rapida ripresa con la fine di giugno e l’inizio di luglio. In caso contrario, la stagione andrà persa irrimediabilmente.
Per quanto concerne il turismo “fai da te”, consultando i vari siti pubblicitari messi a disposizione dai numerosi resort termali in Croazia, si può notare un’offerta più che vantaggiosa con sconti fino al 50 p.c. per un pacchetto di servizi con soggiorno in albergo a mezza pensione con uso gratuito degli impianti. Un medesimo sconto viene offerto dalle terme in Slovenia.
Una stagione, dunque, da dimenticare, auspicando un futuro più ottimistico e all’insegna di nuovi viaggi indimenticabili.

Facebook Commenti