75 anni del Dramma Italiano: che festa! Guarda chi c’era (foto)

Esattamente 75 anni fa è stato fondato il Dramma Italiano, l’unica compagnia teatrale stabile di lingua italiana con sede fuori dai confini dell’Italia, nonché uno dei fondatori del Teatro popolare di Fiume, che oggi porta il nome di Teatro Nazionale Croato “Ivan de Zajc”. Un anniversario importantissimo, celebrato ieri sera con uno splendido programma serale all’insegna della valorizzazione delle potenzialità per il futuro e del bagaglio artistico accumulato nei primi tre quarti di secolo di attività della compagnia.
L’evento di celebrazione è stato avviato con la prima di “Eclissi” di Nenad Pavlović, interpretato da Andrea Tich e Serena Ferraiuolo, a cui è seguita la proiezione del documentario “VOCI – passato, presente e futuro del Dramma Italiano di Fiume”.
La proiezione del film è stata introdotta dai saluti iniziali del direttore del DI, Giulio Settimo, e del sovrintendente dello “Zajc”, Marin Blažević, mentre a esprimere il proprio sostegno all’iniziativa sono stati anche Sandra Krpan, vicesindaco di Fiume; Marina Medarić, vicepresidente della Regione litoraneo-montana; Marin Corva, presidente della Giunta esecutiva dell’UI; Stanko Baluh, direttore dell’Ufficio per le nazionalità del Governo sloveno; Davide Bradanini, Console Generale d’Italia a Fiume; Furio Radin, deputato della CNI e vicepresidente del Sabor; e Nina Obuljen Koržinek, Ministro della Cultura e dei Media. Presenti anche il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Zagabria, Gian Luca Borghese, il sindaco di Fiume, Marko Filipović e il direttore della casa editrice Edit, Errol Superina. Il programma della serata è terminato con un rinfresco offerto da “Eccellenza Excellency”, nell’ambito della manifestazione della Settimana della cucina italiana nel mondo, promossa dal Consolato Generale d’Italia a Fiume.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.