Žiža: «Collaborazione senza pregiudiziali»

0
Žiža: «Collaborazione senza pregiudiziali»

| Grande partecipazione a Santa Lucia lunedì sera all’incontro con il candidato al seggio specifico al Parlamento sloveno Felice Žiža. “Grazie a tutti per il sostegno dimostratomi quattro anni fa e per quanti hanno collaborato nel corso del mandato che sta per concludersi. In uno spirito di squadra, ciascuno ha contribuito con il proprio ruolo e rispettoso dell’altro. Ho avuto l’impressione di avere una grande squadra, la nostra squadra. L’unità fa la forza e vedervi in tanti qui oggi, tra cui diversi giovani, mi da forza per il futuro”, ha esordito il deputato uscente. È stato un mandato ricco di successi, ha spiegato Žiža, nella scorsa campagna elettorale ho fatto delle promesse, ma non sapevo cosa mi aspettasse a Lubiana. Appena eletto, ho sentito l’esigenza di incontrare i connazionali, per lavorare tutti assieme. Mi è stato imputato di appoggiare il governo di centro-destra, sollevando un polverone attraverso comunicati stampa e spezzando l’armonia del lavoro di trent’anni, ha osservato. “Politicamente non ci schieriamo né a destra né a sinistra, ma collaboriamo con tutti. La CNI metaforicamente rappresenta un partito, all’interno del quale non dobbiamo lasciar entrare altre forze politiche che porterebbe alla disgregazione della nostra unitarietà e compattezza”, è stato secco il parlamentare. Ha proseguito poi elencando i risultati raggiunti nel quadriennio, tra i quali l’Ufficio per il bilinguismo, valore aggiunto alla nostra Comunità, ottenuto grazie ai connazionali. Molti i successi raggiunti nel settore scolastico, la modifica della legge che regola i corrispettivi del bilinguismo per i presidi delle nostre scuole e per i consulenti pedagogici, la rinomina nel 2019, dopo 5 anni di assenza, del consulente pedagogico dalI’Italia da parte del MIUR in collaborazione con l’Ambasciata italiana a Lubiana, il Consolato Generale d’Italia a Capodistria, l’UPT e la CAN, l’aumento dell’indennizzo dei corrispettivi del bilinguismo per la Case di sanità, l’Ospedale di Isola e quello di Valdoltra. Da medico, si è prodigato anche per il finanziamento, atto a elevare il numero dei trattamenti vascolari delle aritmie cardiache nei centri clinici di Isola, Lubiana e Maribor, in quanto a livello nazionale non esisteva un programma di elettrofisiologia cardiaca cardiovascolare. In chiusura è stato chiesto un chiarimento circa la denominazione ufficiale “Santa Lucia” e Žiža ha rilevato che nel 2020 a livello di Istituto geodetico nazionale tale denominazione è stata riconosciuta assieme a San Bartolomeo e San Bernardino, ma la procedura non ha avuto ancora sviluppi concreti in ambito municipale.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display