Turismo, Portorose rilancia la campagna promozionale

Tra le novità indicate alla conferenza stampa i fornitori di esperienze autentiche potranno esporre il cartello «Destinazione consigliata»

La spiaggia centrale di Portorose

L’Associazione turistica di Portorose prosegue con la campagna pubblicitaria rivolta al mercato nazionale, denominata “Avanti a Portorose e Pirano”. La promozione condotta con il suddetto slogan sarà trasmessa su tutte le principali stazioni televisive slovene e piattaforme digitali. Si tratta del prosieguo della campagna dell’anno scorso “Ritorno a Portorose e Pirano”, con la differenza che quest’anno l’accento è posto su ulteriori sorprese. Alla conferenza stampa di ieri la direttrice dell’agenzia “8 aprile”, ideatrice della campagna, Urša Mivšek Sitar, ha rivelato che l’area istriana è sempre appetibile. La campagna si è concentrata sull’offerta variegata, dove sono stati inclusi 17 fornitori di servizi turistici, tre Catene alberghiere tra le maggiori e 14 soggetti più piccoli. Una novità sarà rappresentata dal cartello “Destinazione consigliata”, che sarà assegnato ai fornitori di prodotti locali ed esperienze autentiche e alle strutture ricettive che soddisfano i criteri per una vacanza perfetta. Il direttore dell’Associazione turistica, Aleksander Valentin, ha valutato che “sono riusciti a inglobare nella campagna promozionale l’intera destinazione”. Se una nostalgica vettura rossa brillava nella pubblicità dell’anno scorso, questa volta la protagonista è più moderna e al passo coi tempi: una Fiat 500 elettrica. Agli ospiti stranieri si dedicheranno da giugno in poi, confidando sull’estensione della stagione in autunno. In caso contrario, sulla scia dello scorso anno, accoglieranno principalmente ospiti sloveni. Come ricordato dal vicesindaco di Pirano, Karlo Radovac, nel 2020 sono stati registrati risultati uguali o addirittura migliori dell’anno precedente, grazie ai buoni turistici e ad una campagna pubblicitaria di successo, notificando, ad esempio, a settembre il 30 per cento in più di pernottamenti rispetto allo stesso mese del 2019. Il segretario di Stato al Ministero dello Sviluppo Economico e della Tecnologia, Andrej Čuš ha sottolineato che il recente allentamento delle misure igienico-sanitarie nel settore dell’ospitalità e del turismo ha già portato molti cambiamenti positivi. “L’apertura delle attività di ristorazione e delle strutture ricettive in tutto il Paese è sicuramente una mossa importante e gradita in direzione di una ripresa verso il rilancio dell’offerta”, ha detto Čuš, annunciando la preparazione di una legge d’intervento a sostegno della ristorazione e del turismo. Ha aggiunto, inoltre, che stando alle ultime informazioni dell’Amministrazione finanziaria, sono stati già spesi 910.000 buoni turistici, ovvero il 45 per cento del totale. L’intera campagna sui mercati nazionali ed esteri avrà un valore di 120mila euro e circa la metà sarà finanziata dall’Ente nazionale per il turismo. La sua portavoce Karmen Novarlič ha stimato che la situazione nel comparto turistico sarà abbastanza simile all’anno scorso, mentre una ripresa record del settore sarebbe plausibile soltanto dopo il 2024.

A Portorose conferenza stampa sul turismo

Facebook Commenti