Sale, raccolta frenata dal meteo instabile

SICCIOLE | È un incipit un po’ amaro quello dell’attuale stagione della raccolta del sale nelle Saline di Sicciole. Dopo circa un mese dall’inizio delle attività, infatti, sono state raccolte appena 250 tonnellate dell’oro bianco, che rappresentano soltanto un decimo di quanto pianificato per l’annata. L’elemento che maggiormente ha peggiorato la situazione è stato il tempo instabile, “ma confidando in un mese d’agosto migliore, potremmo almeno avvicinarci al risultato preventivato”, commentano i responsabili dell’impresa “Soline” che gestiscono la raccolta del sale. “Chiaramente non siamo soddisfatti delle condizioni meteorologiche” proseguono, rilevando che la raccolta ha avuto inizio attorno al 20 giugno, per cui sono all’opera da poco più di un mese. In questo lasso di tempo hanno registrato 13 giornate caratterizzate da precipitazioni medio-pesanti, le quali hanno causato molti ritardi e ostacoli. Le 250 tonnellate raccolte sono al momento poca cosa se raffrontate alla raccolta complessiva di sale del 2017, ossia 2.400 tonnellate. Allo stesso modo, in calo la quantità raccolta di afioreto, ferma a una decina di tonnellate rispetto alle 64 della passata stagione. Gli auspici però non sono dei migliori, considerando, come ricordano i responsabili, che nelle ultime annate le condizioni meteo andavano peggiorando già verso la fine di agosto, nonostante la raccolta si protragga circa fino alla metà di settembre. Non rimane che sperare nel tempo più clemente il prossimo mese.

Facebook Commenti