Portorose. Ombrelloni e sdraio alla giusta distanza

Il via ufficiale alla stagione balneare

La spiaggia centrale di Portorose

In settimana è stata aperta ufficialmente la spiaggia centrale di Portorose con alcune novità, soprattutto in riferimento alle misure precauzionali per contenere l’espansione del Covid-19. “In tale contesto già tempo fa abbiamo ottenuto le indicazioni dell’Istituto nazionale della salute pubblica. Siamo così pronti ad affrontare questa estate che sarà diversa rispetto alle altre. I nostri ospiti non avranno nulla di cui temere in fatto di igiene. È nostro obbligo, infatti, sanificare gli spazi pubblici, tra cui bagni, docce, ecc. I bagnini, quattro in totale, richiameranno l’attenzione al rispetto delle distanze, ma molto dipenderà dalle persone stesse. Confido nel comportamento responsabile nei confronti della propria salute e quella degli altri”, così Gašpar Gašpar Mišič, direttore dell’azienda “Okolje” di Pirano, in qualità di gestore, nel corso della conferenza stampa a margine dell’inaugurazione. La municipalizzata ha rinnovato due moli, mentre i bagnanti avranno a disposizione oltre 300 ombrelloni e scegliere tra svariate attività acquatiche. Importanti investimenti sono stati fatti anche dall’albergo “Kempinski Palace”, che ha preso in gestione una parte della spiaggia centrale. “Non devono sussistere timori riguardo l’accesso alla spiaggia che rimarrà aperta a tutti. Anzi, siamo soddisfatti che dopo oltre 10 anni siamo riusciti a realizzare questi interventi e a elevare la qualità dei servizi. Altri investimenti nell’infrastruttura sono previsti nei prossimi tre anni del valore di 500mila euro”, ha dichiarato Kai Behrens, direttore del “Kempinski”.
Ambiziosa è anche l’azienda municipalizzata che ha in serbo il rinnovo delle spiagge di Fiesso, di Pirano e dell’albergo “Metropol” dopo che i nuovi proprietari hanno rinunciato alla gestione restituendola all’”Okolje”. “Avremo così a disposizione altri 420 metri di spiaggia. Lo scopo è ridare a Portorose l’immagine di una rinomata località turistica, ma anche di recuperare le perdite subite negli ultimi quattro anni. L’epidemia causerà dei ritardi, ma siamo fiduciosi di avviare i progetti nel 2021 con l’auspicio, ovviamente che non si manifestino altre ondate dell’epidemia”, ha spiegato Mišič con l’assenso del sindaco di Pirano, Đenio Zadković. “La collaborazione tra il Comune e i gestori, anche quelli privati è fondamentale per il riassetto della fascia costiera per un utilizzo a scopi turistici, ricreativi e commerciali”, ha ribadito il primo cittadino.
Nell’ambito di questo evento, è stata issata la Bandiera blu, la 23.esima dal 1996 come precisato dal coordinatore Boris Šušmak, il che fa di Portorose una meta sostenibile, questa volta anche con il certificato dell’Ente turistico nazionale.

Facebook Commenti