Pietro Coppo parla cronache scolastiche

La pubblicazione del giornalino realizzato dagli studenti dell’Istituto tecnico professionale isolano racconta le loro passioni, l’attualità e il tempo libero

Parte della redazione del “Pietro Coppo parla”

Nel corso dei mesi che i ragazzi delle scuole medie superiori hanno passato lontani dai banchi alcuni allievi dell’istituto tecnico professionale “Pietro Coppo” di Isola hanno fatto nascere un nuovo giornalino scolastico: “Pietro Coppo parla”. La redazione della pubblicazione trisettimanale è composta attualmente da Kerin Perne, Giulia Ocovich, Alex Smotlak, Michelle Spoljarich, Thomas Marjanovič e Nikola Zafirovski, mentre l’insegnante della materia professionale “turismo”, Chiara Meriani si occupa delle correzioni. “Io e Giulia (Ocovich) abbiamo pensato di tenere aggiornati i nostri compagni durante il periodo di didattica a distanza. Da questo si è evoluta l’idea di dare spazio agli interessi, alle passioni e ai talenti dei nostri amici”, spiega gli albori del giornalino scolastico Karin Perne, che oltre a occuparsi di vari temi, crea anche i cruciverba, abilità appresa dalla nonna. Il “Pietro Coppo parla” racchiude, inoltre, una sezione dedicata allo sport, della quale si occupa Alex Smotlak, una riservata ai componimenti letterari, curati da Giula Ocovich e una parte che si occupa di musica, a cura di Michelle Spoljarich. La redazione rimane, comunque, aperta agli altri alunni interessati a collaborare con uno spazio pensato anche per gli amanti della fotografia. L’ultimo numero, il terzo, è uscito lunedì scorso, entro la fine dell’anno scolastico ce ne sarà ancora qualcuno e si sta preparando anche la versione digitale, che andrà ad arricchite la pagina web della scuola. “Essendo giornalista di professione mi ha colpito la cura con la quale i ragazzi si occupano degli argomenti, ma anche degli aspetti tecnici. Il mio ruolo è quello di rivedere la lingua, un aspetto sul quale mi piacerebbe lavorare per dare ai ragazzi qualche strumento in più per affinarla. È una grande soddisfazione conoscere i loro interessi di oggi e immaginarli tra alcuni anni, quando probabilmente faranno tutt’altro nella vita, ma magari qualcuno avrà scelto il mestiere del giornalista, avendo mosso i primi passi qui a scuola”, ha commentato il lavoro redazionale dei ragazzi l’insegnante Chiara Meriani, lodando la qualità degli argomenti, l’attenzione che i ragazzi dedicano ai propri compagni e ai loro talenti.

Le prime edizioni del giornalino scolastico della “Coppo”

Facebook Commenti