Isola e Tolentino, legame indissolubile

In occasione del 40.esimo del gemellaggio, i primi cittadini delle due località hanno siglato la pergamena sulla futura collaborazione

L’incontro con gli esponenti della CNI

Il gemellaggio tra la città marchigiana di Tolentino e Isola dura da quarant’anni. Un legame storico e inossidabile, nel senso che ancora oggi i rappresentanti delle due località s’incontrano periodicamente per varie iniziative. In occasione dell’ultimo incontro in terra istriana i rispettivi sindaci, Danilo Markočič di Isola e Giuseppe Pezzanesi di Tolentino, si sono scambiati le pergamene e ripromessi di proseguire con il dialogo, progetti e scambi in vari settori, in particolare nel settore economico e culturale. “Convinti che i legami che uniscono le città del nostro continente rappresentano un elemento fondamentale del cammino verso lo sviluppo di una cittadinanza europea e pertanto promuovono un’Europa di dimensioni umane in questo giorno prendiamo solenne impegno, in base alle relazioni stabilite tra i nostri due Paesi, di continuare a mantenere legami permanenti tra le Amministrazioni dei nostri Comuni per continuare a promuovere il dialogo, per scambiarci le nostre esperienze e per eseguire tutte le attività congiunte che possono favorire un miglioramento reciproco in tutti i campi che rientrano nelle nostre competenze”, si legge nel documento che attesta il rinnovo del gemellaggio. La cerimonia si è svolta nel Parco “Pietro Coppo”, ma prima c’è stato un incontro con gli esponenti della Comunità italiana a Palazzo Manzioli. Ad accoglierli il presidente della CAN comunale Marko Gregorič e il vice Enzo Scotto Di Minico, Agnese Babič, coordinatrice culturale della CAN nonché vicesindaco, Fiorenzo Dassena, presidente della CI “Dante Aligheri”, Amina Dudine della CI “Dante Alighieri” e figlia dei compianti Lucia e Dario Scher. Ricordiamo gli Scher perché sono stati loro, da parte della CI di Isola, a gettare le basi di questa lunga amicizia. I primi contatti risalgono al 1977 con il Festival dei minicantanti “Cantapiccolo” – evento durato sino agli inizi degli anni ‘90 in cui, oltre agli Scher, era molto attiva la stessa Amina Dudine. All’incontro a Palazzo Manzioli sono intervenuti pure Robi Štule e Alessandra Božič, rispettivamente presidente e vicepresidente della CI “Pasquale Besenghi degli Ughi”. Nel contesto la giovane connazionale Kris Dassena ha ribadito l’importanza e la volontà di mantenere vivi questi ricordi e tradizioni. “Passare la staffetta ai giovani”, è stato il messaggio emerso anche nei discorsi nel corso della cerimonia al Parco “Pietro Coppo”, con la promessa di rivedersi al più presto. I rappresentanti del Comune e delle CI di Isola sono stati invitati per l’autunno prossimo a Tolentino in occasione di alcuni appuntamenti culturali e turistici. “Ci farebbe molto piacere avere la vostra presenza perché oltre a concretizzare le iniziative, sarebbe un ottimo segnale di ritorno alla normalità dopo il difficilissimo periodo di distanziamento causato dal Covid-19”, ha osservato Luca Romagnoli, addetto stampa del Comune di Tolentino e uno dei primi presentatori del Cantapiccolo, perciò particolarmente legato alle due cittadine e a tutto quello che ha caratterizzato la rassegna dei minicantanti. Nella delegazione marchigiana c’era pure Edoardo Mattioli, presidente della Proloco di Tolentino, anch’egli ex presentatore del Cantapiccolo e uno dei più meritevoli per lo sviluppo dei rapporti e di aver reso questo gemellaggio un esempio per tante altre città.

I due sindaci con le pergamene

Facebook Commenti