Estate culturale, eventi interrotti oppure rinviati

Le avverse condizioni meteo hanno dettato la scaletta dei concerti all’aperto annunciati a Isola e Capodistria

I 40 Fingers hanno suonato anche sotto la pioggia

Il maltempo preannunciato che ha investito le nostre zone durante il fine settimana ha messo i bastoni tra le ruote alle numerose manifestazioni in programma. La “Notte gialla” a Capodistria non ha fatto nemmeno in tempo a iniziare per bene, venerdì sera, quando si è alzato un vento minaccioso che ha preannunciato l’imminente arrivo della pioggia. Nell’arco di pochi minuti le rive si sono svuotate, mentre i ristoratori e gli espositori hanno dovuto arrangiarsi a proteggere le proprie bancarelle e stand espositivi. Sono stati più fortunati gli appassionati di ritmi elettronici che si sono radunati all’ex magazzino del sale (Taverna) i quali, grazie alla posizione coperta, hanno potuto ballare sino a programma concluso.
A causa delle previsioni avverse il programma di sabato, sempre della “Notte gialla”, è stato spostato al prossimo week-end, sperando in condizioni meteorologiche più favorevoli. Anche a Isola la pioggia estiva ha intralciato il programma culturale. Venerdì è stato ostacolato l’atto conclusivo dell’”Isola Music Festival”, organizzato dalla locale CAN. Il quartetto formato da chitarristi triestini, i 40 Fingers, ha iniziato la propria esibizione sul palco di piazza Manzioli, ma a metà scaletta, nonostante il gradimento del pubblico, hanno dovuto arrendersi, visto che gli ombrelli sotto i quali i quattro virtuosi della chitarra hanno suonato, non bastavano più a fermare la pioggia scrosciante. Parte del pubblico e i musicisti si sono rifugiati dentro Palazzo Manzioli continuando con la serata musicale.
Non ha avuto fortuna nemmeno il “Concerto sotto le stelle” organizzato dalla Comunità degli Italiani “Dante Alighieri” di Isola, in programma per sabato sera, sempre in piazza Manzioli.
La simpatica serata all’insegna della musica italiana, presentata da Elena Bubola, si è dovuta interrompere dopo pochi brani, interpretati dai cantanti di musica leggera e dai giovani cantanti del sodalizio, con in primo piano Matija Penca, che si erano preparati per l’occasione sotto la guida di Evelin Zonta.

Facebook Commenti