Consiglio della CAN su nomine e progetti

Riunito il Consiglio della CAN di Pirano

PIRANO | Sotto la presidenza di Andrea Bartole si è riunito mercoledì sera il Consiglio della Comunità autogestita della nazionalità Italiana per la quinta seduta ordinaria. Il primo punto trattato ha riguardato i candidati proposti quali membri nel Consiglio del Museo del mare “Sergej Mašera” di Pirano rispettivamente nel Comitato del Parco naturale delle Saline di Sicciole. Per il primo, dove alla Comunità Nazionale Italiana spetta un rappresentante, è stato proposto e presentato lo storico Marjan Ignjatovič, per il secondo, invece, la biologa ambientale Valentina Budak, entrambi formatisi nella scuole CNI e successivamente nelle Università in Italia. In caso di nomina ai due candidati è stata chiesta una stretta collaborazione con la CAN di Pirano, affinché abbia voce in capitolo sulle questioni riguardanti le due istituzioni. Bartole, inoltre, ha comunicato di essere stato nominato nella commissione dell’Ente per il turismo di Portorose direttamente dal sindaco, quale ulteriore dimostrazione dell’apertura nei confronti della CNI. Annunciata anche la nomina, formalmente prevista per lunedì prossimo, della nuova direttrice della scuola materna “La Coccinella”. Si tratta di Melania Hrvatin, l’unica tra i candidati ad adempiere a tutte le condizioni richieste, che entrerà in carica dal primo luglio.
In vista della seduta del Consiglio comunale di Pirano, in agenda il prossimo giovedì, i consiglieri hanno preso in esame l’ordine del giorno, il quale non prevede voci direttamente legate alla CNI, ma punti che toccano tutti i cittadini, come ad esempio la proposta d’aumento dei prezzi dei servizi funebri, le tasse comunali e l’agevolazione dei costi degli affitti nel periodo invernale per l’incentivazione delle attività commerciali del centro storico di Pirano. I consiglieri discuteranno anche della nomina del nuovo direttore della municipalizzata “Okolje”, riguardo alla quale si prevede un dibattito acceso. Dopo l’approvazione del Bilancio del Comune la CAN piranese può pubblicare il bando per un posto di segretario a tempo pieno, per il quale i mezzi derivano dall’abolizione della figura del “funzionario politico”, finora beneficiario di un finanziamento comunale annuale.
All’ordine del giorno anche gli sviluppi riguardanti i bandi per progetti europei già in corso per il 2019 e il 2020 della CAN costiera. Tra i tre candidati selezionati, oltre all’Unione Italiana e alla stessa CAN costiera, figura anche la Comunità degli Italiani “Giuseppe Tartini”. Ancora in corso le selezioni nell’ambito del bando rivolto agli imprenditori, per il quale sono pervenute otto richieste. Sono stati, inoltre, presentati gli sviluppi della ricerca sugli antichi toponimi di Portorose, Santa Lucia e Sicciole, che faranno da base per le tabelle informative. In vista del ritorno in sede, si è discusso anche sulla futura attività della Biblioteca “Diego de Castro” in Casa Tartini, nella quale si trovano volumi appartenenti sia alla CAN sia alla CI, alle prese con problemi di spazio. In merito è stato proposto un incontro con la direttrice della Biblioteca civica di Pirano, Ksenija Petaros, al fine di constatare di comune accordo come ottimizzare il fondo librario. Il consigliere Kristjan Knez ha precisato che il lascito de Castro rappresenta un piccolo tesoro da valorizzare e che sarebbe sensato creare una Biblioteca specifica dedicata alla storia-patria.
La riunione si è conclusa con l’invito di proporre progetti culturali che possano rientrare in una strategia culturale condivisa. Una richiesta inoltrata dal Centro “Carlo Combi” e dalla CAN costiera che in autunno dovranno presentare una progettazione articolata al Ministero della Cultura per accedere a ulteriori fondi. “È necessario avere idee chiare e documentate, non attività che già si svolgono. Gli incontri con i rappresentanti del Ministero per la Cultura ci hanno fatto capire che il discorso al momento è ancora aperto, visto che la Slovenia dispone di mezzi europei che non ha utilizzato e che potrebbero essere sbloccati a breve”, ha rilevato il presidente della CAN di Pirano, Andrea Bartole.

Facebook Commenti