Condizioni più adeguate al caldo di questi giorni

Appello dei Sindacati alle imprese

Nonostante il caldo i lavori all’esterno non si fermano

L’eccessiva esposizione a un ambiente di lavoro surriscaldato riduce la produttività lavorativa del dipendente, le sue capacità mentali e manuali e aumenta il rischio di infortuni sul posto di lavoro, avverte l’Organizzazione sindacale costiera – KS 90. I datori di lavoro sono invitati a prendere dei provvedimenti per garantire un ambiente di lavoro più sicuro. In questo periodo le temperature all’aperto superano i 30 gradi centigradi e l’organizzazione sindacale ha evidenziato, in un comunicato stampa, la situazione preoccupante in cui versano alcuni settori. Particolarmente critico è il comparto dell’ospitalità e del turismo, poiché oltre all’uso obbligatorio delle mascherine protettive, che aumentano lo stress termico, i dipendenti sono ulteriormente oberati, in quanto scarseggiano i quadri qualificati. Nel settore del commercio, avvertono i sindacalisti, alcuni esercenti esagerano con temperature molto basse nei negozi, creando grandi scompensi con l’esterno, influendo negativamente sul benessere e causando problemi alla salute. Nel settore dei trasporti, i conducenti di camion devono affrontare temperature inadeguate in cabina, come pure i lavoratori che spostano le macchine al porto di Capodistria dai traghetti ai depositi. Ci sono anche gli operai edili, soprattutto quelli che lavorano al progetto del secondo binario e ai lavori di ripristino del bivio autostradale. Il Sindacato è critico anche sulla situazione dei lavoratori delle aziende di servizi pubblici che esplicano la professione all’aperto, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche. Osservano, inoltre, che i capannoni di produzione sono privi di ventilazione e che negli uffici i condizionatori d’aria sono inadeguatamente installati, esponendo i dipendenti al soffio diretto. L’Organizzazione sindacale costiera propone, quindi, ai datori di lavoro di ridurre l’intensità del lavoro, di accorciare l’orario di lavoro, di programmare più interruzioni, di anticipare l’inizio del lavoro e d’introdurre una tecnologia più a misura del dipendente. In aggiunta, li invitano a occuparsi di offrire rinfreschi alla forza lavoro, della ventilazione dei locali che ne sono privi e di un abbigliamento adeguato.

Squadre di operai a Capodistria

Facebook Commenti