Binario Capodistria-San Sergio: firmato il contratto

Il cantiere per il primo tratto, da Capodistria a San Sergio, potrebbe essere aperto a maggio

Il tracciato della nuova ferrovia

È stato firmato ieri il contratto per la costruzione del tratto da San Sergio (Črni Kal) a Capodistria nell’ambito del progetto per il secondo binario ferroviario dal mare verso l’interno. La concessionaria a cui è stato affidato il delicato intervento è la “Kolektor CPG”, unico candidato in lizza assieme alle società di cordata turche “Yapi Merkezi” e “Özaltin”. Il consorzio si è detto certo di poter completare l’opera con 224,7 milioni di euro, inferiore di circa sei milioni al limite massimo imposto dalla società statale “2TDK” che coordina gli interventi a nome del governo. Il cantiere dovrebbe essere aperto in maggio. Sulla base delle attuali valutazioni il secondo binario, nella sua interezza, potrebbe essere completato entro il 2025 e i primi convogli ferroviari potrebbero percorrerlo un anno dopo. Il tratto definito ieri dal contratto prevede 12 chilometri di binari in sei gallerie, con due viadotti. Spettacolare quello che passerà sotto all’omologa struttura dell’autostrada. I tunnel saranno scavati in autunno. Alla cerimonia di Lipizza era presente il ministro dei Trasporti, Jernej Vrtovec, che ha assicurato la piena collaborazione del suo dicastero per risolvere eventuali difficoltà. Prima che il Porto di Capodistria e l’economia nazionale slovena al completo possano godere dei frutti di questi investimenti, sarà necessario risolvere i problemi insorti su altri tratti. Ad esempio per la Divaccia-San Sergio gli esperti avevano scelto come esecutore dei lavori sempre la “Kolektor”, ma i concorrenti dell’austriaca “Strabag” hanno presentato ricorso e chiesto una verifica della gara d’appalto, poiché l’offerta presentata dalla ditta prescelta sarebbe troppo bassa e non consentirebbe di portare a termine il progetto.

La cerimonia della firma dell’accordo

Facebook Commenti