Alla CI «Dante Alighieri» grande voglia di ripartire

Nel periodo di lockdown è stata favorita l’attività editoriale con i volumi dedicati alla storia di Isola e alla società «Pullino»

Il gruppo cantanti della CI “Dante Alighieri”

Dopo il lungo periodo di chiusura forzata e incertezze, i vertici della Comunità degli Italiani “Dante Alighieri” di Isola guardano con ottimismo al futuro. “Non vediamo l’ora di ripartire alla grande ma l’attuale situazione sanitaria è ancora abbastanza limitativa”, ha osservato il presidente del sodalizio, Fiorenzo Dassena, che è felice di lasciarsi alle spalle i mesi di stallo quasi totale. Nell’autunno del 2020, subito dopo la pausa estiva, era stato preparato un ricco calendario di attività, in modo da sfruttare, finché possibile, la situazione sanitaria ancora favorevole, ma ad ottobre la seconda ondata ha stravolto i piani del sodalizio. “Con rammarico abbiamo dovuto posticipare o persino annullare molti degli eventi in programma, quali ad esempio la presentazione del libro “Isola d’Istria, dalle origini all’istituzione della prima scuola pubblica” di Amina e Giorgio Dudine, che è stata rimandata ben due volte. Al che abbiamo deciso di far comunque uscire il volume, perché ci siamo resi conto che l’epidemia non sarebbe sfumata così presto. Lo stesso vale per la pubblicazione di Dragan Sinožič, uscita appena nei giorni scorsi, dedicata al 95.esimo anniversario della fondazione della Società nautica “Pullino” che ricorreva l’anno scorso. In questo momento di lockdown ci siamo pertanto adeguati alla situazione sanitaria e focalizzati sui progetti editoriali”, ha spiegato Dassena. La CI “Dante Alighieri” in questo periodo ha anche cercato di sfruttare al meglio le sue piattaforme digitali, come il sito internet e i profili social su Facebook e YouTube. Pur non avendo intrapreso la strada degli eventi online, hanno comunque deciso di divulgare dei contenuti informativi e di intrattenimento, in modo da ricordare eventi importanti come il Giorno del ricordo e il 700.esimo anniversario della morte del Sommo Poeta, Dante Alighieri. Pubblicando ancora le esibizioni dei propri attivisti, hanno voluto portare un po’ di allegria nelle case di chi li segue. Per i prossimi mesi hanno annunciato una graduale ripresa delle attività e degli eventi, sempre Covid permettendo. “I nostri gruppi culturali non vedono l’ora di ritrovarsi e di esibirsi davanti al pubblico. La stessa cosa vale per gli sportivi che aspettano con impazienza di iniziare a giocare. In un futuro, speriamo prossimo, abbiamo in programma varie iniziative e desideriamo rinnovare diverse collaborazioni. Ma il nostro più grande desiderio è quello di preparare una serata conviviale, in modo da riunire i nostri connazionali e ritrovare quella socialità che abbiamo perso”, ha concluso il presidente Dassena.

Fiorenzo Dassena

Facebook Commenti