A Portorose il varo del «topo» istriano

La replica della barca inclusa nel progetto sostenuto tra l’altro dal Museo del mare

A conclusione del progetto “Piccola barca 2”, incluso nel programma Interreg Slovenia-Croazia, è scesa in mare a Portorose la replica della tipica imbarcazione istriana nota con il nome di “topo”. Da oltre un anno e mezzo un gruppo di maestri del legno, guidati dall’isolano Tomi Sinožič, ha lavorato per ridare vita a un natante, un tempo molto comune nei nostri mandracchi e soprattutto in quello piranese. Un compito non certo facile visto che mancavano esperienze dirette sui sistemi di costruzione usati nei vecchi squeri. I giovani artigiani hanno dovuto imparare in corso d’opera la complessità dell’impostare la chiglia, piegare il fasciame, rinforzare poppa e prora, nonché tanti altri accorgimenti per fare del “topo” moderno la fedele copia di quelli antichi e dargli una patina del tempo, per renderlo ancora più credibile. I partecipanti al varo hanno riconosciuto che l’esperimento è riuscito, con il costante sostegno del Museo del mare, che ha fornito le basi scientifiche per l’opera. Come detto dal direttore, Franco Juri, bisogna pensare al futuro. Con la Facoltà di scienze marittime di Portorose è stata firmata un’intesa per l’ormeggio, almeno temporaneo, del topo nella piccola laguna della scuola e per il suo uso nella preparazione dei futuri quadri. Sarà messo a disposizione anche degli alunni dell’Istituto nautico locale, mentre prossimamente potrebbe partecipare a regate storiche. I presenti al varo, tra i quali anche il sindaco di Pirano, Đenio Zadković e la sua vice, Manuela Rojec, hanno convenuto che il vero valore della piccola imbarcazione va individuato nel suo contributo a salvaguardare le tradizioni marittime dell’Alto Adriatico. L’idea di base è di ormeggiare il “topo” a Pirano, davanti alla sede del Museo del mare, per completare la mostra delle sue antiche imbarcazioni, ma anche per ricreare un po’ il clima del locale porticciolo nei primi decenni del secolo scorso.

Gianni Katonar

Facebook Commenti