A Palazzo Besenghi ritorna il prezioso fondo librario

Nei vani restaurati saranno custoditi quasi tremila volumi di varie tematiche debitamente catalogati

0
A Palazzo Besenghi ritorna il prezioso fondo librario

Sottoscritto ieri l’accordo tra i vertici comunali e della parrocchia isolana per la custodia del prezioso fondo librario di Palazzo Besenghi. Si tratta di 2.986 volumi di vario genere, lasciati in eredità alla città da Pasquale Besenghi degli Ughi e provenienti ancora dalla Biblioteca parrocchiale, risalenti al periodo dal 1700 al 1900.

 

Di rilievo anche 16 manoscritti. La metà riguarda temi teologici o religiosi, altra nutrita sezione è quella della medicina, ma non mancano testi classici dell’epoca.

Il più prezioso è “L’Isolario dell’Atlante veneto”, datato 1696, opera di Vincenzo Maria Coronelli, attualmente a Capodistria con alcune opere minori, ma in procinto di essere restituito a Isola. Con le sue mappe rappresenta un grande valore dal punto di vista cartografico e storico, in quanto riporta con precisione l’organizzazione amministrativa dell’Istria al tempo della Serenissima.

Con il restauro dell’antico palazzo barocco della famiglia Besenghi, sono stati ricavati vani adatti per salvaguardare la pregevole collezione. A firmare l’intesa sono stati il sindaco di Isola, Danilo Markočič e il parrocco, don Janez Kobal, alla presenza della vicesindaco, Agnese Babič. La Comunità Nazionale Italiana è stata in prima fila nel 1993 per far catalogare, ordinare e valorizzare il fondo librario, in collaborazione con la Biblioteca centrale “Srečko Vilhar” di Capodistria e con il coordinamento a cura di Ivan Markovič, esperto bibliotecario e già direttore dell’Ente.

Danilo Markočič, Agnese Babič e Janez Kobal

L’accordo prevede che il fondo librario sia di proprietà del Comune, ma rimanga a disposizione della cittadinanza e di eventuali altri interessati.

La Biblioteca civica di Isola provvederà ancora a inserire i titoli dei volumi nel sistema d’evidenza nazionale, denominato COBISS.

La parrocchia, da parte sua, ha assicurato che continuerà a impegnarsi in progetti atti tutelare e valorizzare gli antichi fondi librari.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display