Zara. Alunni miscredenti, non funziona l’ora di religione

Estate settembrina a Zara. Foto Dino Stanin/PIXSELL

Sembra che l’educazione religiosa scolastica non raggiunga il suo obiettivo quando si tratta di avvicinare gli adolescenti ai dogmi ecclesiastici. Succede a Zara e dintorni.
La maggior parte degli alunni che frequentano l’ora di religione a scuola, sebbene una presenza regolare, appoggia diversi aspetti sociali a cui la Chiesa cattolica si oppone: sesso prematrimoniale, contraccettivi, aborto, legalizzazione di droghe leggere, esperienze omosessuali, lavoro domenicale, eutanasia… Il 42% di loro frequenta l’istruzione religiosa esclusivamente a causa della pressione della famiglia o dell’ambiente. Lo ha rivelato un ampio studio organizzato dall’Arcidiocesi di Zara, presentato dalla dott.ssa Marijana Mohorić.

Facebook Commenti