Vicepresidente della Regione non si isola: rischia 15mila kune di multa

Iris Ukić Kotarac. Foto: Dusko Jaramaz/PIXSELL

Doveva restare in isolamento, ma non l’ha fatto. Ora è stata denunciata. Casi del genere si sono verificati a decine negli ultimi mesi, ma questa volta la protagonista è la vicepresidente della Regione di Sebenco e Knin, Iris Ukić Kotarac. La 45.enne ha dovuto sottoporsi a tampone perché venuta a contatto con la segretaria che ha contratto il Covid. Ukić Kotarac ha raccontato di aver ricevuto l’invito a fare il test giovedì e venerdì mattina si è recata nell’Istituto per la salute pubblica di Sebenico. Il giorno dopo, sabato, è stata informata dagli epidemiologi che il suo tampone è risultato negativo. Perciò, ritenendosi sana ha interrotto subito l’isolamento. “Ma la persona non può decidere da sola quando uscire dalla quarantena – ha spiegato Ankica Parat Baljkas, capo epidemiologo dell’Istituto regionale per la salute pubblica di Sebenico -. L’isolamento deve durare dieci giorni anche in presenza del tampone negativo, poiché la malattia può presentarsi anche nei giorni successivi. Proprio per questo motivo esiste l’isolamento”. La vicepresidente della Regione, la quale ha annunciato che sporgerà reclamo contro la denuncia, rischia una multa da 8.000 a 15.000 kune (1.100-2.000 euro).

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.