Vaccini Fiume: richiamo per il 23%. Ora avanti con i giovani

Vladimir Mićović, direttore dell'Istituto per la salute pubblica della Regione litoraneo-montana. Foto Zeljko Jerneić

Nella Regione litoraneo-montana finora sono state vaccinate 103.849 persone (44%) con la prima dose di siero e 49.903 (23%) con entrambe. “Siamo molto soddisfatti di come procede l’inoculazione. Visto che vogliamo che a settembre ritornino tra i banchi di scuola tutti gli alunni, in modo sicuro, abbiamo dato il via anche alla vaccinazione per i ragazzi tra i 16 e i 18 anni, in primis quelli con malattie croniche che verranno invitati dopo aver contattato i propri medici di famiglia. Si tratta di una fascia di popolazione molto attiva che trascorre tanto tempo in compagnia e vogliamo evitare potenziali contagi. Alcuni sono già stati vaccinati, come pure gran parte degli studenti che hanno risposto all’appello”. Lo ha detto il direttore dell’Istituto regionale per la salute pubblica, Vladimir Mićović, il quale ha aggiunto che “al momento non abbiamo vaccini rimasti inutilizzati, il che significa che alla vaccinazione di massa possono presentarsi solo le persone che sono state chiamate a farlo. Non abbiamo ancora la possibilità di ‘aprire le porte’ a tutti gli interessati. Se arriveranno più vaccini, inizieremo con questa pratica nelle zone più piccole, come il Gorski kotar o le isole. Per ora bisogna attenersi alla data e all’ora indicate dal medico di famiglia”, ha concluso Mićović.

Facebook Commenti