Vaccinazione in Croazia. E’ partito l’autobus-Covid

L'autobus-Covid a Virovitica. Foto: Damir Spehar/PIXSELL

Quella di Virovitica e della Podravina è stata la prima Regione in Croazia (nel nord-est del Paese) a organizzare il drive in per i vaccini anticoronavirus e oggi, lunedì14 giugno, in questa Contea è partito il primo cosiddetto bus-Covid a bordo del quale viene effettuata la vaccinazione degli abitanti di 49 località. Viene usato il siero Pfizer. Il pullman fa sosta in ogni località per un’ora. Coloro che vogliono sottoporsi all’immunizzazione possono farlo senza la necessità di prenotarsi, ha fatto sapere il direttore dell’Istituto regionale per la salute pubblica Miroslav Venus.

Il ministro Vili Beroš vaccina un anziano sull’autobus-Covid. Foto: Damir Spehar/PIXSELL

L’iniziativa riguardante gli autobus a bordo dei quali si effettua la vaccinazione contro il coronavirus è nata dopo che nel Paese l’interesse nei confronti dell’immunizzazione è andato scemando. “Raggiungeremo tutti gli abitanti, anche quelli dei piccoli paesi isolati e lontani arrivando fino a casa loro”, ha detto il ministro della Sanità Vili Beroš, facendo sapere che i team di infermieri effettueranno la vaccinazione anche a domicilio. “Vogliamo venire incontro ai nostri concittadini e lanciare un chiaro messaggio a tutti e cioè che la Croazia è una destinazione turistica sicura”, ha aggiunto il ministro. Ha detto di essere sorpreso dal fatto che l’interesse per la vaccinazione stia diminuendo tra gli anziani nelle aree urbane. Ha quindi invitato questa categoria della popolazione a scegliere un siero e porre fine alla diffusione della malattia.
Anche il premier Andrej Plenković, per il tramite delle reti sociali, ha invitato i cittadini a vaccinarsi contro il coronavirus. “Ci sono sieri a sufficienza e in un minuto (il tempo necessario per la somministrazione del vaccino) tuteliamo la vita avviandoci verso l’allentamento delle misure antiepidemiche”, ha scritto il primo ministro su Twitter.

Facebook Commenti