Turismo Istria: +70% sul 2020, -40% rispetto a due anni fa

La splendida Rovigno, destinazione al top in Istria. Foto Roni Brmalj

I numeri del turismo in Istria dicono che la situazione è nettamente migliorata rispetto all’anno scorso, ma che i record raggiunti nel 2019 sono ancora lontanissimi. Così, ad esempio, a Rovigno lo scorso weekend hanno soggiornato 17.400 vacanzieri, ossia il 70% in più rispetto allo stesso periodo del 2020, ma il 40% in meno se il dato viene confrontato con lo stesso fine settimana di due anni fa.
Denis Ivošević, direttore dell’Ente turismo regionale, afferma che in Istria si godono le vacanze circa 100.000 turisti al giorno. “I nostri ospiti più affezionati sono i tedeschi, che attualmente sono in 28mila nella penisola. Seguono gli austriaci con 17mila presenze e gli sloveni con 12mila arrivi. Il 40% dei turisti soggiorna nei campeggi, il 30% negli alberghi, mentre il rimanente 30% sceglie gli affittacamere privati”.
La destinazione top è Rovigno con circa 18.000 villeggianti, mentre sul podio troviamo ancora Parenzo (13mila) e Medolino (12mila).

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.