Testimonianze su abusi sessuali: cifre da record. È allarme rosso

L'attrice Nadine Mičić

Dopo che recentemente è iniziato a dipanarsi il groviglio di dolorose confessioni di vittime di abusi sessuali, stupri e molestie nel movimento regionale “Me Too”, in Croazia sono venuti alla luce più di 30 casi di molestie sessuali, più di quelli denunciati in un anno.
Una di loro, l’attrice Nadine Mičić, ha rivelato ai media che la decisione di istituire una piattaforma su cui condividere questo tipo di esperienze traumatiche in modo anonimo è nata come primo impulso alla confessione della collega Milena Radulović. Sui social si stanno diffondendo a macchia d’olio confessioni anonime di vittime di violenza sessuale nell’ambito delle iniziative “Non me la sono cercata” e “Non sei sola”. Con esperienze di molestie sessuali e persino di stupro, molti si sono fatti avanti sia con il nome che con il cognome pur trattandosi di testimonianze anonime. La pagina Facebook “Non me la sono cercata (“Nisam tražila”) è stata fondata da quattro ex studentesse dell’Accademia di arti drammatiche di Sarajevo, Ana Tikvić, Nadine Mičić, Asja Krsmanović e Matea Mavrak.
Il loro profilo, nel frattempo, ha raccolto addirittura 40.000 follower. “Ciò che è stato dimostrato, che risulta perfettamente chiaro al pubblico, è che i numeri sono scioccanti”, afferma Mičić, aggiungendo che in un solo giorno il sito ha ricevuto oltre 1.200 testimonianze.
Nonostante sia trascorsa solo una settimana dalla fondazione del sito, Nadine afferma che le testimonianze, che arrivano da persone provenienti da Serbia, Bosnia ed Erzegovina e Croazia, “devono far scattare un allarme rosso” per tutti.

Facebook Commenti