Test sierologici: il 2,4% dei cittadini ha sviluppato gli anticorpi

Krunoslav Capak, direttore dell'Istituto nazionale per la salute pubblica. Foto Damir Sencar/HINA/POOL/PIXSELL

Il 2,4 per cento delle persone sottoposte ai test sierologici, ossia 1.054 individui, ha sviluppato gli anticorpi il che dimostra la precedente presenza del Covid-19. I test sierologici infatti vanno ad indagare la presenza degli anticorpi del virus SARS-CoV-2 nel sangue. Lo ha dichiarato Krunoslav Capak, direttore dell’Istituto nazionale per la salute pubblica con sede a Zagabria che ha effettuato tali test. Secondo Capak tale percentuale ha superato le aspettative. I test dimostrano come ci siano state molte più persone infette rispetto ai dati fin qui raccolti.

Facebook Commenti