Test rapidi per i transfrontalieri. L’UI spazza i dubbi

Il valico di confine tra Slovenia e Croazia a Castelvenere, in Istria. Foto Dusko Marusic/PIXSELL

Da oggi, mercoledì 10 marzo, è possibile effettuare i test rapidi gratuiti per tutti i cittadini non sloveni non residenti in Slovenia, che dall’Italia accedono in Slovenia, qualora rientrino tra le eccezioni e le deroghe dall’obbligo della quarantena: lavoratori transfrontalieri, alunni, studenti e loro accompagnatori, proprietari e affittuari di immobili nelle aree confinarie, ecc. Per ogni ulteriore informazione sulle eccezioni e sulle deroghe è possibile consultare il sito in italiano del Governo sloveno, al seguente link. I tamponi possono essere effettuati nel Comune Città di Capodistria, presso il Centro culturale di Škofije – Scoffie (Albaro Vescovà), dal lunedì al venerdì, dalle ore 7 alle 19.
Per rispondere ai molti dubbi su come saranno effettuati i tamponi, l’Unione Italiana si è rivolta ai competenti organi del governo sloveno comunicando le difficoltà tecniche che sono state segnalate. In una nota, diramata dal presidente dell’UI Maurizio Tremul, si riportano le informazioni ricevute su come si svolgeranno i test: “Chi ha diritto a sottoporsi al tampone da oggi riceverà un attestato del test effettuato, cui farà seguito un avviso via sms, anche se la persona non è in possesso di una tessera sanitaria slovena o di un numero di cellulare sloveno (a causa dell’inserimento dei dati personali di chi si sottopone al tampone l’invio del messaggio non sarà immediato). Chi si è sottoposto al tampone dovrà rispondere a sua volta con un messaggio inviando le iniziali del proprio nome e cognome; riceverà quindi, sempre via sms, il risultato del test.
Rimane ancora in via di soluzione la questione dell’entrata in Slovenia dal valico di confine di Stato di Rabuiese per chi dovrà effettuare il tampone a Škofije – Scoffie (Albaro Vescovà), distante un paio di chilometri dal punto di controllo. Le competenti autorità slovene hanno confermato che stanno lavorando per individuare una soluzione anche a questo problema”. La necessaria documentazione è accessibile anche in lingua italiana sul sito https://www.gov.si/novice/2021-03-08-brezplacno-testiranje-pri-vstopu-v-slovenijo-iz-italije/.

Facebook Commenti