Terremoto Balcani, dopo l’Albania scosse anche in Bosnia-Erzegovina e Grecia

Foto: Borna Filić / Pixsell

Uno sciame sismico ha colpito stamani tutta la Penisola balcanica. Dopo la forte scossa di magnitudo 6.5 registrata nella notte in Albania che ha provocato vittime e crolli, hanno tremato anche la Grecia e poi la Bosnia-Erzegovina. Qui una scossa di terremoto di magnitudo 5.4 è stata registrata questa mattina alle 10.19: l’epicentro del sisma è stato rilevato a 6 chilometri a sudest di Blagaj, un villaggio situato nella regione sud-orientale del bacino di Mostar, a circa 70 chilometri a sud di Sarajevo – e l’ipocentro a 10 km di profondità. Per ora non si hanno notizie di danni o vittime. Per la paura molti abitanti della zona hanno abbandonato le loro case e sono usciti per strada. Anche nella capitale bosniaca il terremoto è stato avvertito molto chiaramente.
In varie scuole elementari della Regione dell’Erzegovina e della Narenta (Neretva) le lezioni sono state interrotte dopo la forte scossa di terremoto che ha provocato non poca preoccupazione tra i cittadini. Gli edifici più antichi nella Regione suddetta hanno subito lievi danni.
Anche nel territorio di Mostar sono stati danneggiati lievemente alcuni stabili e si è avuta pure la caduta di tegole dai tetti di alcuni palazzi. Danni più consistenti sono stati segnalati a Nevesinje, Berković e Ljubinje nell’Erzegovina orientale. Sono stati danneggiati gli edifici delle amministrazioni comunali, ginnasi e della scuola di musica.
Scossa avvertita anche in Croazia
Il sommovimento tellurico avutosi nella vicina Bosnia ed Erzegovina alle 10.19 di questa mattina è stato percepito pure in tutta la Dalmazia, soprattutto nelle aree di Spalato e Ragusa (Dubrovnik). L’epicentro del terremoto di magnitudo 5,4 Richter si è avuto a una sessantina di chilometri da Ragusa. Lo ha confermato l’Istituto sismologico di Zagabria.
La terra ha tremato pure in Grecia
Un’altra scossa di magnitudo 4.6 ha colpito, invece, alle 5.49 la Grecia: l’epicentro del sisma è stato registrato a 6 chilometri a nordest del villaggio di Ano Kastritsi, vicino Patrasso, nella regione della Grecia Occidentale, con ipocentro a 35 km di profondità. Per ora non si hanno notizie di danni o vittime.

Facebook Commenti