Studenti CNI. La Giunta UI assegna le borse di studio

Numerosi i temi affrontati dalla Giunta esecutiva dell’Unione Italiana alla riunione svoltasi nella sede della CI di Castelvenere. Foto: Ivor Hreljanović

CASTELVENERE – La Giunta esecutiva dell’Unione Italiana, nel corso della sua 14.esima riunione, ha assegnato, come dalla graduatoria predisposta dalla Commissione giudicatrice, le borse di studio per l’anno accademico 2019/2020 riservate agli studenti connazionali di Croazia e Slovenia. Per quanto riguarda le università croate e slovene, ne beneficeranno Valentina Kocjančič di Capodistria (Ingegneria chimica, Facoltà di chimica Lubiana), Manuel Fischer di Capodistria (Facoltà di studi umanistici, relazioni internazionali, Lubiana), Laura Čudina di Kostrena/Fiume (Radiologia tecnologica, Dipartimento studi della salute, Fiume), Edi Gavranović di San Matteo (Elettronica e informatica, Facoltà di marineria Fiume), Eni Stilin di Fiume (Ronchester Institute of Technology, Zagabria), Elisa Bellesi di Fiume (Facoltà di Economia, Fiume), Andro Vranković di Buccari (Ingegneria civile, Fiume), Vanna Ema Vežnaver Pavelić di Mattuglie (Tecnologia alimentare, Osijek). I sussidi UI per la frequenza dell’Università “Juraj Dobrila” di Pola – Dipartimento di studi in lingua italiana e Dipartimento di studi per la formazione di maestri ed educatori, vanno a Nicol Verbanac di Altura/Pola (Studi interdisciplinari, italiani e culturali), Roberto Busletta di Sissano (Studi interdisciplinari, italiani e culturali), Katja Jelić di Fiume (Educazione della prima infanzia e prescolare) e Nora Glušić di Pola (Studi interdisciplinari, italiani e culturali). Lucija Meštrović di Dobinj/Veglia e Mia Vidotto di Fiume si aggiudicano le borse di studio previste per il Dipartimento di Italianistica dell’ateneo quarnerino, Lorenzo Siljan di Pobeghi quella per il Dipartimento di Italianistica dell’Università del Litorale di Capodistria. Infine, per le università italiane, si classificano “sopra la riga” nella graduatoria finale, gli studenti Chiara Gruber di Čavle (Informatica, Udine, vincolo con la Scuola media superiore italiana di Buie), Enea Dessardo di Fiume (Diplomazia e cooperazione internazionale, Trieste), Maria Vujović di Fiume (Informatica, Udine), Gaia Poretti di Rovigno (Infermieristica), Debora Grdinić di Fiume (Lingue e letterature straniere, Trieste), Antonella Moscarda di Gallesano (Psicologia clinica e della riabilitazione, Roma), Antonella Ostojić di San Matteo/Viškovo (Allevamento e salute animale, Udine) e Alessio Giuricin di Rovigno (Musicologia, Pavia, sede Cremona).
La titolare del settore di competenza, Debora Moscarda, ha demandato alla Giunta la decisione su alcune domande specifiche, ma in questa fase non sono state fatte eccezioni, nonostante le fondata e oggettive motivazioni. Le borse di studio rimaste vacanti (per Pola, Fiume e Capodistria) saranno rimesse a bando il 2 dicembre, con apertura di due settimane. Il presidente dell’Esecutivo UI, Marin Corva, supportato anche dal suo vice Marko Gregorič, ha anticipato che andrà fatta una riflessione complessiva sul sistema, che ha bisogno di un aggiornamento e di soluzioni alle questioni più delicate e complesse che l’UI ha rispontrato nella sua pluriennale esperienza.
Festival molto attesi
Il prossimo 30 novembre al Teatro cittadino di Umago, con inizio alle ore 17, si terrà la 48ª edizione del Festival della canzone per l’infanzia “Voci Nostre” 2019. Accelerazione sui preparativi di una tra le kermesse più amate e seguite; e ieri sera è stata nominata la Commissione giudicatrice, composta da Sergio Bernich, Tiziana Dabović, Davide Gugić, Ileana Pavletić Perosa e Gianfranco Stancich. Le canzoni in gara saranno unidici, con i minicantanti di altrettante Comunità degli Italiani; rimane ancora da fare le clip, ossia dei video promozionali dei giovani esecutori, nonché aprire un’apposita pagina Facebook in cui saranno caricati tutti i materiali promozionali e le registrazioni di “Voci Nostre”.
Un altro festival molto apprezzato dal pubblico è quello dell’Istroveneto – organizzato dall’Unione Italiana in collaborazione con l’Università Popolare di Trieste, la Città di Buie, la Regione Istriana e la Regione Veneto – e anche qui si sta guardando già al 2020. Per cui la Giunta ha bandito il concorso per l’8ª edizione del concorso “Dimela cantando”, uno dei contenuti dell’evento. Le canzoni pervenute saranno vagliate da una commissione nominata dell’Unione Italiana e quelle ritenute idonee saranno presentate al pubblico nel corso del Festival. Il termine ultimo per la consegna dei lavori è fissato al 15 febbraio del prossimo anno. Approvata anche la pubblicazione dell’avviso per l’affidamento dell’incarico di direttore didattico del Centro studi di musica classica dell’UI “Luigi Dallapiccola”, call che rimane aperto fino al 14 dicembre.
L’UI a sostegno alla promozione dei gruppi artistici, musicali e dei talenti della Cni, nella fattispecie alla CI di Draga di Moschiena è stato concordato un appoggio all’organizzazione del concerto e performance di Riccardo Staraj al III Opatija Blues Festival (5mila kune), alla CI di Fiume per un ciclo di concerti di Alida Delcaro e Valter Veljak a palazzo Modello (15mila kune) e a Pola ai concerti “Musicittà” (13.500 kune). Inoltre, alla CI fiumana vanno anche 2.800 kune (importo al lordo) per la rassegna in occasione del 40° anniversario del Coro femminile, nonché di 6.290 kune alla CI di Crassiza per la rassegna musicale del Gruppo vocale “Oleum”.

Facebook Commenti