S&P. L’economia croata giù dell’8%, rimbalzo del 5,6% nel 2021

L’economia croata nel corso di quest’anno subirà una flessione dell’8%, secondo le stime di Standard & Poor’s. L’agenzia ha confermato il rating di credito della Croazia di BBB-/A-3, con prospettive stabili, evidenziando misure fiscali e monetarie che dovrebbero mitigare gli effetti della crisi dovuta al coronavirus e, quindi, prevenire danni permanenti agli indicatori di credito.
L’economia croata si ridurrà dell’8% quest’anno, secondo le stime di S&P, migliorando una stima fatta a maggio quando prevedeva un calo del 9%. Nel 2021, dovrebbe però rimbalzare del 5,6% e raggiungere i livelli pre-pandemici nel 2022, un anno prima rispetto alle stime dell’agenzia di rating fatte a maggio.

Plenković: «Economia stabile e forte»

“Il mantenimneto del rating dimostra che la Croazia ha affrontato la crisi causata dalla pandemia con un’economia forte e stabile e che durante l’emergenza sanitaria abbiamo attuato misure importanti e tempestive per tutelare soprattutto i posti di lavoro”. Il premier Andrej Plenković ha commentato con queste parole il rapporto di Standard & Poor’s.

Facebook Commenti