Sopralluogo del premier Plenković a Petrinja e Glina

Il premier Plenković oggi a Petrinja. Foto: Matija Habljak/PIXSELL

Il premier Andrej Plenković ha effettuato oggi un sopralluogo nelle aree di Petrinja e Glina, colpite dal devastante terremoto del 29 dicembre scorso.
“Abbiamo avuto una riunione con Tomo Medved, responsabile della speciale Task force per gli aiuti ai terremotati e la ricostruzione. Abbiamo parlato dell’organizzazione delle attività che devono essere intraprese dopo il forte terremoto”, ha spiegato Plenković rivolgendo un ringraziamento a tutti. Il vicepresidente del governo e ministro dei difensori croati Tomo Medved, come ha detto il premier, effettuerà ogni giorni sopralluoghi nelle zone terremotate. “Finora sono stati raccolti circa 100 milioni di kune. Tanta gente ha aderito alla gara di solidarietà”, ha detto Plenković soffermandosi pure sulla necessità di fare luce sull’opera di ricostruzione avviata dopo la fine della guerra patriottica. “Le istituzioni competenti dovranno svolgere indagini in merito. La verità dovrà venire a galla. Sono state ristrutturate 156mila case. È stata, questa, una grande impresa. Non possiamo dire che tutto quello che è stato ristrutturato non vale niente”, ha detto ancora Plenković.
Ricorderemo che il ministro dell’Edilizia, Darko Horvat, aveva sottolineato che coloro che sono responsabili del fatto che le case più recenti siano crollate come dei castelli di sabbia saranno chiamati a rispondere per il mancato rispetto delle normative antisismiche. Una parte degli edifici crollati, aveva aggiunto il ministro, verrà sostituita in forma permanente con case prefabbricate che, a prescindere dalle dimensioni, dovranno poter resistere anche a sismi di notevole intensità.
Pure l’Anticorruzione croata (Uskok) ha deciso di vederci chiaro sulla ricostruzione nella zona del terremoto dopo gli eventi bellici della prima metà degli Anni Novanta. L’Uskok, infatti, ha chiesto di indagare sull’opera di ricostruzione delle case, che dopo il sisma di martedì 29 dicembre sono crollate in modo troppo facile.

Foto: Matija Habljak/PIXSELL
Il premier Plenković intervistato da alcuni giornalisti stranieri. Foto: Matija Habljak/PIXSELL
Plenković per le vie di Glina. Foto: Matija Habljak/PIXSELL

Facebook Commenti