Slvoenia. «Alunni a casa dalle vacanze 15 giorni prima della scuola»

Il direttore dell'Istituto per la salute pubblica Milan Krek

In base ad un sondaggio effettuato dall’Istituto nazionale per la salute pubblica (Nijz), tra il 27,5 e il 32,1% dei cittadini sloveni non intende vaccinarsi contro il Covid-19. “È un dato preoccupante. Va detto comunque che l’indagine è stata fatta agli inizi di giugno pertanto le percentuali nel frattempo potrebbero essere diminuite”, ha dichiarato il direttore dell’Istituto per la salute pubblica Milan Krek.
Krek, oltre ad invitare i cittadini a vaccinarsi quanto prima, ha pure suggerito ai giovani di rientrare dalle vacanze all’estero due settimane prima dell’inizio dell’anno scolastico e nel frattempo di evitare contatti rischiosi. Inoltre il direttore dell’Nijz ha proposto agli sloveni in vacanza al di fuori dei confini nazionali di seguire attentamente l’evolversi della situazione epidemiologica nel Paese in cui risiedono e di rientrare da quello Stato che nelle prossime settimane potrebbe entrare in zona rossa.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.