Slovenia. Si dimette il premier Šarec

L'ormai ex premier sloveno Marjan Šarec. Foto: Pixsell

Crisi politica ed elezioni anticipate in vista in Slovenia. Il premier Marjan Šarec ha annunciato le sue dimissioni motivando la sua scelta con le parole in base alle quali “in questo modo non si può più lavorare. Con questa coalizione – ha aggiunto – non sono in grado di tenere fede alle aspettative dei cittadini e compiere le riforme strutturali di cui il Paese ha bisogno”. In precedenza si era dimesso il ministro delle Finanze Andrej Bertoncelj. Stando al sito Siol.net, Šarec ritiene che “la cosa migliore è che i cittadini sloveni decidano se credermi oppure no”. Nel pomeriggio il premier dimissionario si presenterà in Parlamento per riferire in aula. “Le persone dovrebbero dirmi se mi credono e se vogliono che io continui a lavorare” – ha dichiarato Šarec. Poi ha aggiunto che sarà il voto a dimostrare se il sostegno che emerge dai sondaggi sia realistico oppure no. Secondo diverse testate, il governo sloveno era sostenuto dal 48,9 % dei cittadini, a fronte del 45,4 % riscontrato nel mese di gennaio. Šarec non è il primo premier sloveno a dimettersi: hanno fatto lo stesso Miro Cerar nel 2018, Alenka Bratušek nel 2014 e Janez Drnovšek nel 2002. Il Presidente Borut Pahor ha ora 30 giorni di tempo per proporre al Parlamento un nuovo premier designato. Sembrerebbe che la lista di Šarec (LMŠ) si sia già accordata per una coalizione con il Partito moderno di centro (SMC), alla cui guida c’è Zdravko Počivalšek, ministro dell’Economia.

Facebook Commenti