Slovenia, positività al 23% e oltre 100 pazienti in intensiva

Il premier Janez Janša durante la vaccinazione. Foto Twitter/VladaRS

La quarta ondata della pandemia non accenna a fermarsi in Slovenia. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati ulteriori 1308 casi di Covid, a fronte di 5728 tamponi, per un tasso di positività che schizza al 23%. A questi dati vanno aggiunti i tre decessi, mentre nelle terapie intensive degli ospedali sloveni il numero dei pazienti ha superato quota 100. Per questo motivo il governo non eslcude la possibilità di rafforzare le misure restrittive. Il premier Janša, infatti, prevede l’estensione dell’obbligo vaccinale, che attualmente è in vigore per gli statali. Va sottolineato che una percentuale minore di cittadini vaccinati rispetto alla Slovenia si registra solo in Croazia, Lettonia, Slovacchia, Romani e Bulgaria.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.