Slovenia: i contagi sono 15. Con la Croazia i confini restano aperti

Il valico di confine croato-sloveno di Rupa, alle spalle di Fiume. Foto Goran Žiković

Lieve impennata dei contagi in Slovenia dopo i risultati dei test effettuati nelle ultime 24 ore. L’infezione da Covid-19 è stata confermata in 15 casi. Negli ospedali continuano a venir curate otto persone, nessuna in terapia intensiva. Quasi la metà dei casi di oggi, martedì 30 giugno, proviene da Maribor, dove i contagi sono stati confermati presso sette membri del personale medico del Centro clinico ospedaliero. Nelle ultime 24 ore ono stati stati effettuati 1.085 tamponi. Non si sono verificati decessi e il numero totale delle vittime rimane fermo a 111.
Intanto, il premier croato Plenković ieri sera in tv durante il confronto elettorale con Bernardić, ha informato i telespettatori di aver raggiunto un accordo con il suo omologo Janša sul fatto di non chiudere i confini croato-sloveni. Su vari social erano già iniziate a circolare voci e opinioni di utenti che avevano disdetto le ferie in Croazia per timore di doversi sottoporre ad autoisolamento al ritorno. “Il primo ministro Janša e io abbiamo discusso di tutti i dettagli. Non ci saranno chiusure ai confini da parte della Slovenia”, ha assicurato Plenković.

Facebook Commenti