Skopje: si costituisce il presunto omicida del pallamanista Tot, ex Poreč

0
Skopje: si costituisce il presunto omicida del pallamanista Tot, ex Poreč

Ha 28 anni e si chiama Angel Georgiovski, l’uomo che avrebbe ucciso a calci e pugni il 27.enne pallamanista croato Denis Tot, e che si è costituito nella notte alla Polizia. La brutale aggressione è avvenuta il 7 aprile scorso davanti a un night club di Skopje, dove l’ex giocatore del Poreč (Parenzo) vestiva la maglia del Butel, squadra della capitale della Macedonia del Nord. In precedenza è stata fermata anche Klementina Letkovska, una ragazza che conosceva la vittima.  I funerali di Denis Tot si sono svolti martedì 12 nella sua Đakovo.
Gli inquirenti sono al lavoro per fare luce sul caso e ricostruire l’esatta dinamica della tragedia. Stando a quanto riportato dai media locali, dalle immagini delle videocamere di sorveglianza si vedono un ragazzo e una ragazza uscire dal locale e salire a bordo di un taxi, seguiti da Denis Tot. A quel punto la coppia sarebbe uscita dal mezzo e colpito violentemente al volto Tot, facendolo stramazzare al suolo. La ragazza avrebbe poi sferrato un paio di calci alla testa, con il giocatore che non ha opposto alcuna resistenza in quanto presumibilmente privo di sensi. I due aggressori avrebbero poi tentato di rianimarlo ma, non riuscendoci, sarebbero fuggiti, come pure il taxi che si sarebbe allontanato al momento dello scoppio dell’alterco. Poco dopo è giunta sul posto un’ambulanza, chiamata da uno dei dipendenti del locale. Tot è stato trasportato in ospedale privo di sensi e in condizioni critiche venendo posto in coma farmacologico. Malgrado tutti gli sforzi dei medici nel tentativo di salvargli la vita, il ragazzo è deceduto dopo poche ore.

Denis Tot aveva 27 anni. Foto: Facebook/Butel

Figlio d’arte

Denis Tot ha iniziato la sua carriera nella squadra della sua città natale, Đakovo, dopodiché ha vestito le maglie di Bjelovar e Poreč. Chiusa la parentesi nel campionato croato, è volato in Spagna difendendo i colori dell’Ademar Leon, per poi trasferirsi in Austria firmando per il Bruck. Da qui l’arrivo in Macedonia del Nord, prima all’Ohrid e successivamente al Butel, attualmente terza forza del campionato alle spalle di Eurofarm Pelister e Vardar 1961. Denis era nato in una famiglia di sportivi. Suo padre, Igor Tot, è un ex calciatore che in carriera ha giocato con Inker, Cibalia, Varteks e Slaven Belupo collezionando 61 presenze tra i professionisti e segnato 14 gol. Oggi allena il Đakovo-Croatia, formazione che milita nella Terza Lega – est. Anche suo fratello minore gioca a pallamano e milita nel campionato olandese.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display