Scoperta l’identità della donna trovata disiorentata a Veglia (Krk): è una senzatetto slovacca

Daniela Adamcova. Foto MUP

È stata scoperta l’identità della donna che è stata trovata nove giorni fa in un’area impervia vicino a Dobrinj, sull’isola di Veglia (Krk). Si tratterebbe di Daniela Adamcova, 52.enne cittadina slovacca. È stata riconosciuta da una foto, ma la conferma definitiva arriverà dalle impronte digitali. La polizia croata, comunque, avrebbe ricevuto la conferma sulla sua identità grazie alla collaborazione con l’Interpol. Per oltre una settimana la donna, visibilmente disorientata che parlava in lingua inglese, non sapeva dire le sue generalità e per questo motivo è diventata il tema principale delle news in Croazia. La donna si trova in ospedale, perché ha diversi lividi sul corpo e alcune escoriazioni sul viso, che molto probabilmente fanno presumere una sua caduta in un fosso vicino a Dobrinj. Aveva con sé uno zaino all’interno del quale sono stati rinvenuti dei cosmetici, qualche indumento e il portafoglio che però era vuoto.
Il sito Total Croatia News ha riportato le dichiarazioni di Nina Schmidt che vive a Los Angeles e che avrebbe riconosciuto la donna. “Non l’ho vista dal 2015 quando si è trasferita in Irlanda. La slovacca lavorava per una società di Los Angeles in cui ricoprivo l’incarico di manager operativo. Era stata assunta attraverso una organizzazione no profit che aiuta i senzatetto. Spesso viveva nelle Case rifugio per le donne e nel 2015 mi disse che voleva trasferirsi in Irlanda dove aveva un amico”, ha raccontato la Schmidt. Ora sembra che il mistero sia stato finalmente risolto.

Prima di cadere in disgrazia Danka, quetso il suo soprannome, era una designer di gioielli indossati da star come Brigitte Bardot, Barbara Streisand e dalla parte femminile del cast di Friends. Secondo quanto riferito, si è spostata in tutto il mondo diverse volte e ha viaggiato molto. A 19 anni, ha vissuto negli Stati Uniti dove aveva sposato un produttore cinematografico. Dopo il divorzio, è tornata in Slovacchia alla fine degli anni 2000, solo per ritornare di nuovo negli Stati Uniti dopo pochi anni.

Facebook Commenti