Schengen. Da Janša via libera alla Croazia

L’adesione di Zagabria allo Spazio senza confini è nell’interesse della Slovenia

A differenza del centrosinistra, vicino al premier Marjan Šarec, in Slovenia il centrodestra appare favorevole all’entrata della Croazia nello Spazio Schengen. Il dal presidente del Partito democratico sloveno, Janez Janša è stato chiaro: “L’ingresso della Croazia nell’area di Schengen è per la Slovenia un interesse strategico”. Secondo Janša, le autorità di Lubiana dovrebbero fare il possibile per accelerare il processo di adesione di Zagabria alla Zona senza confini e non invece minacciare il veto. “L’esigenza di spostare il confine esterno di Schengen dalla frontiera slovena a quella croata è tanto più impellente se si pensa al rischio reale di una ripresa dei flussi migratori lungo la rotta balcanica”, ha sottolineato il leader del centrodestra, secondo il quale, invece di offrire sostegno alle forze di sicurezza frontaliere di Italia e Austria, il governo di Lubiana dovrebbe adoperarsi perché la Croazia venga aiutata a controllare in maniera adeguata il suo confine con la Serbia e la Bosnia ed Erzegovina, anche con operazioni coordinate a livello europeo per bloccare il passaggio dei migranti.

Facebook Commenti