Sardine, Santori: «Piazza San Giovanni piena, obiettivo raggiunto»

Foto: Pixsell

“L’idea era riempire la piazza e cambiare un po’ la percezione della politica in questi anni. Direi che l’obiettivo è stato raggiunto”: lo ha detto oggi il leader delle Sardine Mattia Santori in piazza San Giovanni a Roma. “Ripensare i decreti sicurezza”, chiede Mattia Santori dal palco delle Sardine elencando “le proposte” del movimento. Una parte della piazza rumoreggia e allora il leader bolognese si corregge “va bene: abrogare i decreti sicurezza”. Tra le altre richieste “chi è eletto faccia politica nelle sedi proprie e non stia sempre in campagna elettorale”, “chi è ministro comunichi solo per canali istituzionali”, la politica sia trasparente nell’uso delle risorse sui social, “la stampa traduca le informazioni in messaggi fedeli ai fatti”, “la violenza sia esclusa dalla politica nei toni e nei contenuti e quella verbale sia equiparata a quella fisica”.
“Roma non abbocca”, “Finalmente ‘na gioia”. Sono i messaggi impressi sui cartoncini a forma di sardina che hanno animato la manifestazione di piazza San Giovanni, dove ci sono stati manifestanti venuti anche da altre piazze di Italia. “Roma non si lega”, il manifesto di una signora. Dopo aver intonato “Bella Ciao”, i manifestanti hanno cantato anche l’Inno di Mameli.
“Delusi dall’attuale panorama politico”, fiduciosi in una “rinascita”. È quello che raccontano di se’ alcune delle persone scese in piazza San Giovanni con le Sardine. “Siamo dei vecchi piazzaioli venuti appositamente da Firenze. Finalmente dopo diversi anni sembra si stia muovendo qualcosa. I 5 stelle ci avevano provato ma hanno avuto un atteggiamento molto protestatario e poco propositivo. Anche un certo Pd è stato troppo di destra”, dice Adriano un signore che si definisce “di sinistra”. “Il popolo sta gridando a gran voce che non sta con Salvini, e i partiti che stanno al Governo non sono una risposta”, afferma Patrizia di Roma. “E’ una risposta di fronte a una politica che non soddisfa più. Forse, proprio forse, prima di loro c’erano i 5 stelle. Comunque la politica ci ha deluso. Questi ragazzi sono una rinascita. Ci fanno capire che qualcosa si muove”, affermano Bruna, Adriana e Marina dai Castelli Romani. “E’ importante che ci sia questa contronarrazione dopo 18 mesi di narrazione di una Italia di ultradestra. Il fatto che parta dai giovani è importante. Siamo deluse dalla politica”, affermano Beatrice e Giulia. Famiglie, giovani, anziani e bambini sono arrivati in piazza San Giovanni per il raduno romano delle sardine. I cartoni a forma dei caratteristici pesci sono il filo conduttore della manifestazione. Poi ognuno consegna loro il suo personale messaggio: “Ora e sempre resistenza”, si legge su un manifesto. “Sardine antifasciste”, su un altro. Un ragazzo distribuisce volantini con su scritto “Cancelliamo i decreti Salvini”.

Facebook Commenti