Russo acquista test PCR falso in Slovenia. Preso in Croazia

Il 59.enne russo è stato fermato nel porto di Umago

Per aver esibito un test PCR negativo falsificato, un 59.enne cittadino russo dovrà vedersela con gli organi giudiziari e rispondere per falsificazione di documenti. L’uomo è stato fermato dalla Polizia di frontiera verso le 9.45 di martedì al valico di confine marittimo a Umago, dopo essere giunto con il suo natante dalla Slovenia. Durante il controllo è stato appurato che il documento presentato era falsificato, e che l’uomo per entrare illegalmente in Croazia lo aveva acquistato, per una cifra di denaro non precisata, in Slovenia. Il numero di simili casi comunque, ossia nei quali le persone cercano di entrare illegalmente nel Paese esibendo dei test PCR fasulli, nell’ultimo periodo è sensibilmente diminuito.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.