Riaperture in Istria: palestre, wellness e sport all’aperto

Il f.f. di presidente della Regione istriana, Fabrizio Radin , e in fondo Dino Kozlevac. Foto: Srecko Niketic/PIXSELL

“E’ il momento di riaprire in Istria le palestre, i centri fitness e wellnes e tutte le attività sportive all’aperto, senza discriminazione di sorta, a partire da lunedì 1.mo febbraio, ma anche la consegna di pietanze e caffè da asporto nei locali di ristoro. Poi, forse dall’8 febbraio, riaprire i locali”. Lo ha affermato oggi in conferenza stampa Dino Kozlevac, capo della task force regionale per la lotta alla pandemia.
Predica prudenza il f.f. di presidente della Regione, Fabrizio Radin: “Dopo undici mesi di chiusure totali, parziali o selettive e dopo il breve interludio dell’estate, momentaneamente ci troviamo in una situazione favorevole, ma mi riservo la prerogativa di sottolineare quel ‘momentaneamente’, perché non è finita. Il virus è sempre in circolazione e cerca le sue opportunità di diffusione nei nostri assembramenti. Ciò non toglie che possiamo cercare di alleviare le misure di contenimento delle attività”.
“È curioso che il governo ci aveva dato mani libere quando gli conveniva farlo, mentre adesso tentenna. Quando l’approccio regionale gli andava bene per riavere i turisti, allora si poteva fare, e adesso? Se i nostri cittadini e i nostri esperti hanno dimostrato di saper gestire la crisi della pandemia, non vedo perché non continuare con l’approccio regionale adesso”, ha sottolineato il sindaco di Pola, Boris Miletić.

Il servizio completo sulla Voce in edicola giovedì 28 gennaio o in formato digitale. Clicca qui e abbonati

Facebook Commenti