Regione litoraneo-montana: scattano le nuove misure

A Fiume si sta allestendo il palaghiaccio in vista delle festività di fine anno

Record di tamponi, 166 nuovi casi, 83 guariti. Questa la fotografia scattata dalla task force  sull’andamento dell’epidemia nella Regione litoraneo-montana. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1143 test e il 14,5% è risultato positivo. Nel frattempo sono guarite 83 persone e così il numero dei casi attivi nel Quarnero e nel Gorski kotar è ora di 1487.
Situazione stabile nei reparti Covid del Centro clinico ospedaliero (CCO) di Fiume, dove sono ricoverate 80 persone, come il giorno precedente. Nell’unità di terapia intensiva si trovano 10 pazienti, riferisce la direzione del CCO. Il bollettino dell’Unità di crisi della Protezione civile conclude ricordando che la quota delle persone con più di 65 anni tra i contagiati è cresciuta rispetto a ieri e ora ammonta al 17%.

Misure più rigide

La task force nazionale ha approvato la richiesta dell’Unità di crisi regionale per l’introduzione di nuove misure sul territorio della Regione litoraneo-montana, che entreranno in vigore domani, 19 novembre, e che saranno applicate fino al 4 dicembre. Tra le più importanti sicuramente l’introduzione delle lezioni online per gli studenti universitari e il divieto di assembramento di più di 30 persone (leggi qui tutte le nuove misure).

Facebook Commenti