Pola. 91.enne uccisa a coltellate: figlia e nipote in carcere

Il nipote della vittima è uno dei sospettati dell'efferato crimine. Foto Srecko Niketic/PIXSELL

Uccisa a coltellate dalla figlia 61.enne e dal 31.enne nipote. Sarebbero giunti a questa conclusione gli inquirenti che si occupano del caso della 91.enne Ivanka Sekulić, trovata morta giovedì pomeriggio, 25 giugno, in via Zoranić, nel rione di Veruda. I due sospettati sono stati arrestati e sono già stati ascoltati dal giudice istruttore. L’autopsia ha confermato la morte per dissanguamento in seguito a profonde ferite da taglio riscontrate sul collo e al capo.
A detta dei vicini, i presunti omicidi soggiornavano nello stesso stabile e solitamente facevano visita all’anziana. Per la triste vicenda gli inquilini dello stabile si sono detti costernati, e non possono credere che sia accaduta una cosa simile. Forse, sempre attenendosi a voci ufficiose, i problemi nel nucleo familiare sono iniziati due settimane fa, in occasione della ricorrenza del Corpus Domini, quando il nipote dell’anziana si era messo a distruggere l’appartamento della mamma. Nella circostanza era intervenuta la Polizia e l’uomo era stato ricoverato al Reparto di psichiatria dell’Ospedale cittadino. Nonostante questa prima avvisaglia, nessuno poteva presumere che avrebbe potuto compiere dei gesti estremi. In quanto a Ivana Sekulić, e alla sua figlia, i vicini hanno avuto solamente parole di lode nei loro confronti.

Facebook Commenti