Plenković: «Un regalo per la vaccinazione? Assolutamente no»

Il premier Andrej Plenković e il ministro della Salute, Vili Beroš. Foto: Marko Lukunic/PIXSELL

Una ricompensa pari a 150 euro ai giovani tra i 18 e i 25 anni che hanno ricevuto almeno una dose del vaccino antiCovid. È quanto viene offerto dal governo greco. E la Croazia è forse intenzionata a intraprendere la stessa strada? “Dovremmo corrompere i cittadini per farli vaccinare? E cosa ne sarà del 44 per cento della popolazione già immunizzata? A queste persone effettueremo un pagamento retroattivo?” ha risposto il premier Andrej Plenković interpellato dai giornalisti sulla possibilità di assegnare premi in denaro a chi si sottoporrà alla vaccinazione contro il coronavirus. “Tutti i cittadini sono ben informati in merito. Ogni individuo responsabile può contribuire al bene della società e lo può fare vaccinandosi. Penso che la gente vada stimolata affinché si immunizzi. Lo ripeto costantemente ad ogni mio intervento. E a fare lo stesso sono esperti importanti, medici e scienziati. Però ci sono anche persone che ritengono il Covid-19 una cosa di poco conto e rifiutano il siero anticoronavirus”, ha affermato il primo ministro aggiungendo come la Croazia disponga di 670mila dosi del vaccino che possono essere utilizzate immediatamente.

Facebook Commenti