Petrinja. È scontro politico sugli aiuti

Il sindaco di Petrinja, Darinko Dumbivić

Non mancano le polemiche attorno al terribile terremoto di Petrinja. Il sisma
ha unito il Paese: gli aiuti umanitari stanno arrivando da tutte le parti, si cerca di dare sostegno e conforto alla gente colpita dal sisma in ogni modo possibile. Aiuti concreti come beni di prima necessità e somme in denaro da redistribuire e usare nel miglior modo possibile.  Tuttavia, i sindaci di Sisak e Petrinja si ritengono indignati per il modo in cui questi aiuti sono organizzati e per come viene distribuito il denaro, riporta il quotidiano Jutarnji list. Chi va più in là è il sindaco di Petrinja Darinko Dumbivić (membro del Partito Popolare – Riformisti), il quale afferma: “Se il governo vuole aiutare Petrinja, il sostegno dovrebbe essere inviato direttamente, sulla base di una valutazione di esperti”, perché ritiene che il criterio per la distribuzione del denaro “non abbia nulla a che fare con l’entità del danno, ma con l’appartenenza politica. Per quanto mi riguarda, restituirò i 30 milioni di kune che ci sono stati assegnati”.
Gli ha risposto il presidente della Regione di Sisak e della Moslavina Ivo Žinić (Hdz): “Credo che sia inopportuno in momenti come questo affermare che gli aiuti sono scarsi e che saranno perciò restituiti. Io, invece, vorrei ringraziare il governo e tutti i ministri che il giorno stesso del sisma si sono precipitati nelle zone terromatete per offrire il loro aiuto. I 30 milioni di kune sono mezzi finanziari che consentiranno alle persone di rimanere nelle proprie case e per la riparazione delle infrastrutture. Non si tratta del denaro per la completa ricostruzione delle zone colpite dal sisma”, ha concluso Žinić. Gli ha fatto eco il ministro Josip Aladrović. “Non sarebbe corretto restituire questo denaro che rappresenta soltanto una prima piccola tranche per aiutare la popolazione colpita dal terremoto e non della somma intera per la ricostruzione”, ha spiegato il ministro del Lavoro, della Previdenza sociale, della Famiglia e della Politica sociale.

Facebook Commenti