Pasqua. Controlli rigidi in Istria

Una panoramica di Parenzo con in primo piano la riva e il marina. Foto Ivo Vidotto

La situazione è sotto controllo e così deve rimanere, per cui il Comando cittadino della Protezione civile di Parenzo, nel fine settimana pasquale intensificherà le operazioni di controllo il tutto il Parentino, e soprattutto nelle zone dove esiste un maggiore rischio di assembramento di più persone. I controlli coinvolgeranno le forze di Polizia, i Vigli del fuoco, le guardie comunali e gli addetti al sevizio d’ordine del traffico. Nel mirino le spiagge, i percorsi pedonali e ricreativi in prossimità del mare, i parchi gioco, i centri commerciali e la piazza del Mercato. Il bel tempo e gli acquisti prefestivi, rischiano di portare a un maggiore movimento delle persone e ad assembramenti, sopratutto nel centro cittadino, per cui il Comando di Protezione civile parentino intende vigilare, al fine di mantenere gli eccellenti risultati finora conseguiti nella lotta al coronavirus.
Troppi movimenti nell’Albonese
Anche nel territorio della Città di Albona i controlli delle aree pubbliche, comprese le spiagge a Porto Albona, in cui potrebbe radunarsi un numero elevato di persone sono da ieri più rigidi. E continueranno a esserlo fino a lunedì 13 aprile. Lo ha deciso il Comando della Protezione civile della Città di Albona e dei Comuni di Arsia, Chersano, Pedena e Santa Domenica.
“Purtroppo, negli ultimi giorni sono stati avvistati degli spostamenti più frequenti nella zona di Riva e Lungomare a Porto Albona, a Dubrova, ossia nel Parco sculture, poi in alcuni campi sportivi all’aperto e nella città di Albona. Pure nei centri commerciali c’è ogni tanto troppa gente e il Comando ha contattato a questo proposito la dirigenza degli stessi punti vendita”, si legge nel comunicato stampa rilasciato ieri mattina dalla Città di Albona, in cui si specifica che l’irrigidimento delle misure si deve al desiderio di prevenire la diffusione del coronavirus e di proteggere la salute dei cittadini, innanzitutto delle persone che appartengono alle categorie a rischio. A occuparsi del monitoraggio dell’area sono e saranno gli agenti di Polizia, le guardie comunali e i Vigili del fuoco di Albona.
“Preghiamo la cittadinanza di non rilassarsi ancora e di continuare ad attenersi alle raccomandazioni del Comando. Rimaniamo a casa e trascorriamo le festività pasquali con i nostri cari”, è il messaggio lanciato ai cittadini dal sindaco albonese Valter Glavičić e dal capo del Comando della Protezione civile albonese Darko Vitasović.

Facebook Commenti