Parlamentari croati: ecco i recordman degli indennizzi

0
Parlamentari croati: ecco i recordman degli indennizzi
Domagoj Hajduković. Foto: Patrik Macek/PIXSELL

Le remunerazioni dei membri del Parlamento sono diventate un argomento scottante in seno all’opinione pubblica, soprattutto dopo che è stato rivelato che tutti i parlamentari con residenza a più di 50 chilometri da Zagabria hanno diritto a un’indennità di soggiorno per vita separata dalla famiglia, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno una famiglia. L’anno scorso, 85 su 151 membri del Sabor hanno usufruito di questo compenso. Per la maggior parte di loro sono state pagate 9.000 kune, perché la quota è di 1.000 kune al mese e non viene pagata durante le vacanze estive e invernali. Solo chi non ha lavorato per un anno intero o ha rinunciato a un compenso a un certo punto ha ricevuto meno. Oltre all’indennità per convivenza separata, il Parlamento paga anche le diarie dei deputati, le spese viaggio, i pedaggi, il trasporto aereo, il trasporto pubblico, gli hotel, gli affitti, le utenze, le auto blu e “altro”.
Un importo record di compensi è stato raggiunto lo scorso anno dal parlamentare del Club dei socialdemocratici, l’ex membro dell’SDP, Domagoj Hajduković. Il deputato a titolo d’indennizzi ha portato a casa un totale di 136.970 kune (circa 18mila euro, di cui 9.978 kune per le diarie, 37.680 per l’auto di servizio, 8.026 per il pedaggio in autostrada, 20.888 kune per i biglietti d’ aereo, 1.681 per i mezzi pubblici, 17.622 per la sistemazione in albergo, 29.980 per l’affitto e 2.345 kune per le utenze). Ha anche incassato 8.403 kune come indennizzo per la vita separata dalla famiglia. Il “resto” è costato al bilancio statale 390 kune. Ciò include il costo del trasporto per un viaggio d’affari all’estero, il Covid test all’estero e la traduzione dei risultati del test. Secondo la dichiarazione patrimoniale, la sua residenza è a Osijek e non ha registrato la sua residenza separatamente.

Al secondo posto tra i deputati c’è Nevenko Barbarić dell’HDZ, che ha intascato 132.054 kune di indennizzi. BarbariĆ, eletto nella XI Cirocoscriyione elettorale (diaspora) ha la residenza a Ljubuški (Bosnia ed Erzegovina), ma il domiciliato a Zagabria. Ha ricevuto 72.816 kune atitolo di risarcimento per l’utiliyyo dell’automobile per scopi di servizio, 29.570 kune per l’affitto, 16.412 kune per i pedaggi, 4.256 kune per le utenze e l’intero assegno di vita pari a 9.000 kune.

Il cerchio del podio dei maggiori beneficiari viene chiuso dal capo di Most, Božo Petrov. L’anno scorso ha intascato a titolo d’indennizzi 115.758 kune. Ha ricevuto 75.312 kune per le spese d’auto, 16.655 kune per i pedaggi, 991 kune per le spese di regia, 9.000 kune per vita separata dalla famiglia e 13.800 kune per un appartamento d’ufficio. È interessante notare che, sebbene abiti a Zagabria ha la residenza a Metković. Quindi, non deve pagare la sovrimposta che nel caso della capitale croata ammonta al 18 per cento.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display